Shakhtar Donetsk, De Zerbi: "Potrebbero essere i miei ultimi giorni qui"

le parole
©Getty

L'allenatore italiano ai canali ufficiali del club: "Ho già parlato con giocatori e dirigenza. Se il campionato si dovesse finire, mi piacerebbe restare qui, altrimenti mi piacerebbe tornare a lavorare". Poi sul popolo ucraino: "Vicino alle brave persone, mi hanno insegnato tanto" 

Parole che sanno d'addio quelle pronunciare da Roberto De Zerbi ai canali ufficiali dello Shakhtar Donetsk: "È stata una giornata triste ed emozionante. Potrebbe essere arrivato il mio ultimo giorno da allenatore dello Shakhtar. Ho parlato con tutti, dai giocatori alla dirigenza del club - ha aggiunto l'ex allenatore del Sassuolo - Se il campionato si dovesse giocare, mi piacerebbe restare qui, ma se dovesse succedere il contrario, allora vorrei iniziare una vita normale e tornare a lavorare".

"Vicino all'Ucraina, mi hanno insegnato molte cose"

leggi anche

Lo Shakhtar torna in campo e ricorda i bimbi morti

Campionato ucraino ufficialmente sospeso a causa del conflitto bellico e calcio in secondo piano. Lo Shakhtar Donetsk ha iniziato un tour di amichevoli di beneficenza in giro per l'Europa. "Al momento non penso assolutamente al calcio - aggiunge De Zerbi - È molto importante che abbiamo concluso tutto questo periodo insieme. C'è un grosso problema in questo periodo, tra poco inizierà una nuova stagione e questo mi preoccupa". Poi sulla popolazione ucraina: "In questo momento difficile sono con l'Ucraina e tutti gli ucraini perchè mi piace essere con le brave persone, che hanno dignità, coraggio e orgoglio. La gente ucraina mi ha insegnato molte cose".