Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
16 marzo 2009

Milan, diagnosi confermata per Abbiati: stagione finita

print-icon
sie

La sofferenza di Abbiati dopo l'infortunio nel match con il Siena

La società rende noto che l'estremo difensore è stato sottoposto oggi ad Anversa a visita specialistica dal prof. Martens. Il controllo ha confermato la diagnosi: rottura del legamento crociato del ginocchio. Preoccupano anche le condizioni di Kakà

COMMENTA NEL FORUM DEL MILAN

FANTASCUDETTO, vincere è ancora nelle tue mani!


Christian Abbiati, portiere del  Milan, dovrà operarsi per la rottura del legamento crociato del ginocchio. Il Milan rende noto che l'estremo difensore "è stato sottoposto oggi ad Anversa a visita specialistica dal prof. Martens. Il controllo ha confermato la diagnosi e la complessa tipologia di infortunio. Abbiati svolgerà per due/tre settimane un lavoro di riabilitazione, per poi tornare in Belgio dove verrà sottoposto ad  intervento chirurgico". Il portiere si è fatto male ieri, nel primo tempo del match che i rossoneri hanno vinto 5-1 sul campo del Siena.

E infatti quelle di Inzaghi e Pato non sono state le uniche doppiette del Milan a Siena. Un'altra, molto meno gradita, è stata messa a segno in infermeria, dove in un colpo solo si sono ritrovati, uno accanto all'altro, Abbiati e Kakà. L'infortunio più grave è quello del portiere: per lui si parla di sospetta rottura del legamento crociato anteriore e del collaterale mediale. Già questa mattina Abbiati è partito per Anversa per una visita dal professor Martens, nel caso già pronto all'intervento. Abbiati sarebbe costretto a uno stop di sei mesi, proprio quando stava disputando la sua stagione migliore: tornato al Milan dopo essere stato alla Juventus, al Torino e all'Atletico, ha conquistato il posto da titolare, giocando tutte le partite di campionato. Fino a quel contrasto fortuito con il suo compagno Favalli, e una smorfia che ha fatto subito capire la gravità dell'infortunio.

E una smorfia l'ha mostrata anche Kakà, faccia incredula quasi a dire "non ci credo". Un contrasto, un colpo nello stesso punto del piede sinistro e di nuovo quel dolore che lo aveva già costretto fuori per oltre un mese. Ci ha provato, non ce l'ha fatta, e 27 minuti dopo essere entrato ha lasciato il posto a Ronaldinho. Se ne è andato da Siena preoccupato, tra oggi e domani verrà visitato, sperando che, dopo Abbiati, il Milan non debba rinunciare, ancora, anche a lui.