Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
23 maggio 2009

Spalletti avverte il Milan: "Sfida dura, ma si può fare"

print-icon
anc

Ancelotti e Spalletti si sfidano al biliardino in una puntata degli SKY Toon

L'allenatore della Roma parla alla vigilia del match di S.Siro contro i rossoneri: "Noi siamo intenzionati a fare risultato. Il mio futuro? Non ho avuto contatti con la Juve. Ma mi sono arrivati i complimenti del tecnico del Manchester Alex Ferguson"

COMMENTA NEL FORUM DELLA ROMA

GIOCA A FANTASCUDETTO

"Con il Milan sarà una gara di grandissimo livello, vuoi per la posta in palio del risultati, vuoi per le due squadre che si affrontano. Nutro fiducia, sono fiducioso su quello che possono fare i miei giocatori. Con il Milan sarà una partita difficile, anche se dobbiamo andare intenzionati a fare risultato". Luciano Spalletti è ottimista in vista della trasferta della Roma sul campo del Milan. Sulla formazione da opporre ai rossoneri, Spalletti rivela: "Julio Batista va valutato. Ieri ha preso un colpo nel muscolo sopra il ginocchio e gli si è infiammato il tendine, ha un'ematoma in corso, bisogna valutarlo domani. Attualmente non potrebbe scendere in campo perché ha dolore. Juan? Spero di vederlo in campo, vediamo domani mattina cosa mi dirà. Oggi ha chiesto di finire prima perché aveva dolore al muscolo a rischio e ha preferito finire prima. Se domani se la sente, lo faccio giocare", ha aggiunto Spalletti in conferenza stampa.

"Sul mio futuro ho già parlato in questo senso. Dovrò incontrarmi e poi vedremo. La famiglia Sensi mi ha dato molto, ho sempre avuto un buonissimo rapporto, al di là di qualche piccola battuta o schermaglia o cose dette per tentare di migliorare le nostre situazioni". Luciano Spalletti, in conferenza stampa, alla vigilia del match con il Milan, non vuole commentare le voci sul suo futuro. "La Juventus? Non ho avuto contatti. Mi sono arrivati i complimenti del tecnico del Manchester United Alex Ferguson. Penso che sia un grande allenatore - spiega l'allenatore dei giallorossi - attento a tutti i rapporti. Frequentando le riunioni con allenatori di questo rango si imparano molte cose, Ferguson può insegnare a tutti. Mi fa piacere che abbia citato il mio nome e mi piacerebbe ritrovarlo da avversario".