Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
07 agosto 2009

Ballardini: "Per noi la Supercoppa è un esame importante"

print-icon
int

Cambiasso lotta contro Matuzalem, un duello che potrebbe ripetersi a Pechino

Il tecnico della Lazio alla vigilia del match contro l'Inter carica i suoi: "Non so quali sono le condizioni dell'Inter, so che noi stiamo bene. I nostri avversari partono con i favori del pronostico". GUARDA IL VIDEO DI SKY SPORT 24

ALTRI TRE ANNI DI GRANDE CALCIO CON SKY

SERIE A, IL CALENDARIO DELLA STAGIONE 2009-2010

COMMENTA NEL FORUM DEL CALCIO ITALIANO

TUTTI I RITIRI DELLA SERIE A 

"Per noi la Supercoppa è un  esame importante". Davide Ballardini, allenatore della Lazio, presenta così la sfida che domani i biancocelesti disputeranno domani a Pechino contro l'Inter: in palio, allo stadio Nido d'Uccello, c'è la Supercoppa. "Non so quali sono le condizioni dell'Inter, so che noi stiamo bene. I nostri avversari partono con i favori del  pronostico, visto che negli ultimi anni ha dimostrato nettamente la squadra migliore del campionato italiano", dice Ballardini, che non fornisce dettagli sulla formazione. "Noi vogliamo diventare bravi e quindi affrontiamo la partita di domani sera come se fosse un esame importante", ripete il tecnico.

Il match rappresenta un appuntamento fondamentale per il gruppo, come dice l'attaccante Tommaso Rocchi. "L'Inter è una grande squadra, il livello è altissimo in tutti i reparti. Noi non partiamo favoriti, ma siamo pronti a dare tutto in campo per portare a casa il trofeo", dice Rocchi. "E' chiaro, mi piacerebbe far gol in questa circostanza particolare. Ma in questo momento sto solo pensando a  vincere la partita di domani. Le sensazioni, alla vigilia di una partita così importante, devono essere positive. E' importante avere  la convinzione di poter vincere una gara del genere", aggiunge. La  Lazio è arrivata a Pechino senza i 3 'dissidenti': a Roma, per problemi con la società, sono rimasti Goran Pandev, Lorenzo De Silvestri e Cristian Ledesma. "I discorsi che riguardano i ragazzi rimasti a Roma non c'entrano in questo momento. A loro non devo dire nulla, se dovrò dirgli qualcosa lo farò quando torneremo a Roma", dice Rocchi.