Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
20 settembre 2009

Ranieri: ecco la Roma che volevo. De Rossi: continuare così

print-icon
tot

Claudio Ranieri osserva Francesco Totti durante il match contro la Fiorentina

Il tecnico giallorosso dopo la vittoria per 3-1 contro la Fiorentina: "Ho ricevuto le risposte che cercavo da tutti i giocatori". Il centrocampista: "Abbiamo ritrovato la ferocia che avevamo perso, se saremo sempre così potremo puntare al terzo posto".

GUARDA GLI HIGHLIGHTS DEGLI ANTICIPI DI SERIE A

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT


Totti? Lui è imprevedibile, è un simbolo della Roma e stasera ha fatto una grandissima partita... Le critiche? Totti era serio perchè voleva questo tipo di prestazione, lui è soddisfatto dentro di se, è contentissimo... I miei obiettivi? Continuare a vedere la squadra lottare così, puoi anche eprdere, ma quando giochi con questa grinta è dura per tutti, i ragazzi l'avevano smarrita, mi auguro si sia tornati sulla via maestra, certo una gara non fa testo, quindi aspettiamo... Perrotta aveva la licenza di inserirsi e in fase di non possesso doveva non far giocare Zanetti, volevo fermare un giocatore che ritengo fortissimo e importantissimo...Vucinic ha fatto un ottimo primo tempo ed ha sbloccato la partita... Io non sono Spalletti sono Ranieri. Anche lui cercava di cambiare perchè gli avversari ormai sapevano come giocava la Roma, ognuno poi ha le sue idee...".

"Bisognava ritrovare la ferocia che serve per giocare a pallone". Daniele De Rossi, ai microfoni di Sky Sport, spiega così il convincente successo della Roma ai danni della Fiorentina. "Ultimamente c'era mancata un po' di organizzazione - aggiunge - e questa sera l'abbiamo recuperata. Inutile fare tanto i belli... Quando vinco partite così il primo pensiero va ai miei compagni. C'è gente che soffre, si allena e poi va in tribuna o in panchina". Può essere la partita della svolta nella stagione della Roma? "Non lo so, ma se giochiamo come stasera - conclude De Rossi - questa squadra può arrivare quarta, magari anche terza. Il difficile è giocare sempre così".