Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
25 settembre 2009

Materazzi attacca: Melo andava espulso. Io ho sempre pagato

print-icon
mat

Materazzi, cuore dell'Inter in campo e fuori

Il difensore dell'Inter: "Lo juventino ha insultato l'arbitro ed è rimasto in campo, io sarei stato espulso. La legge deve essere uguale per tutti, come Mou non accetto le ingiustizie". Intanto in conferenza ha parlato Lucio: "Sarà lotta con la Juve"

GUARDA LE PROBABILI FORMAZIONI DELLA SESTA GIORNATA

Io sono fatto un po' come Mourinho, non accetto quando subisco delle ingiustizie". Lo ha detto il difensore dell'Inter Marco Materazzi, convinto che lo juventino Felipe Melo meritasse di essere espulso durante il posticipo di ieri sera contro il Genoa. "Avete visto - ha domandato ai cronisti il difensore dell'Inter a margine di un evento legato alla settimana della moda - cosa ha detto Felipe Melo dopo l'ammonizione? Ve lo dico io? Ha detto 'Hijo de puta' all'arbitro. Perchè non è stato espulso?". "Le leggi - ha continuato Materazzi - devono essere uguali per tutti, io ho pagato tante volte. Se è così tutte le domeniche - ha chiuso l'interista -  giusto, se invece è così perchè c'è Materazzi non mi sta bene". In casa Inter non sono state condivise le critiche dopo la sfida di Champions League contro il Barcellona, che Marco Materazzi respinge al mittente con un'espressione colorita. "E' facile fare l'omosessuale con le parti basse degli altri...", ha replicato il difensore osservando che "intanto noi abbiamo pareggiato col Barcellona e mi sembra che a oggi non ci sia riuscito nessuno: questo è quello che conta".

José Mourinho diserta ancora la sala stampa e al suo posto l'Inter sceglie Lucio. Tocca al brasiliano presentare l'anticipo di domani in casa della Sampdoria. E' arrivato da poche settimane, ma ha già capito che tra Inter e Juventus c'è una fortissima rivalità. "E' normale, si tratta di due squadre di grande qualità - spiega - che lottano per lo scudetto. E' ovvio che ci sia rivalità, il campionato è ancora molto lungo, vedremo come finirà". Intanto lui si gusta la gioia per la prima rete in campionato realizzata mercoledì scorso contro il Napoli. "Sono molto felice per il gol, mi sono ambientato presto - spiega il centrale brasiliano - e sto studiando l'italiano. Al Bayern stavo bene, ma ora sono felice di essere all'Inter e penso solo a questa squadra, voglio vincere campionato e Champions League". Intanto contro la Sampdoria non ci saranno Muntari e Sneijder, non convocati per l'anticipo di Marassi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

GUARDA TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELL'INTER