Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
12 ottobre 2009

Doping, caso Cannavaro archiviato. Lui: quanto mi girano...

print-icon
can

Fabio Cannavaro e Ciro Ferrara durante un allenamento della Juventus

Il difensore della Juve e della Nazionale è ancora amareggiato per la storia della sua positività al doping per un antiallergico iniettato a seguito di una puntura. Intanto oggi il Coni ha comunicato di aver chiuso il caso. GUARDA I GOL DELLA JUVENTUS

Cannavaro non ci sta - "Mi girano i coglioni. E se non avete capito bene ribadisco, mi girano i...". E' diretto ed  esplicito Fabio Cannavaro nel raccontare rabbia e amarezza provate il giorno in cui è uscita la storia della sua positività al doping per un antiallergico iniettato a seguito di una puntura d'ape. "Io ho la coscienza a posto - ha detto il capitano azzurro dal ritiro di Coverciano - Uno viene punto da un'ape e si ritrova sul giornale come se fosse un dopato. Quando è successo  mi sembrava di sognare. Qualche giornale e qualche televisione hanno esagerato. E' la seconda volta che mi ritrovo gratuitamente sui giornali le storie del genere". Il riferimento è al filmato con le flebo degli anni al Parma uscito nel 2005. "Quella volta feci una cazzata a farmi filmare, anche se la sostanza tuttora non è proibita. Questa volta la cazzata della Juve c'è stata, ma mi è sembrato tutto esagerato. Spero che questo dubbio non mi segua oltre oggi, la mia carriera è stata esemplare e all'insegna delle regola".

Caso archiviato dal Coni -
E intanto il Tribunale nazionale ha archiviato oggi il caso, come da richiesta del capo della procura antidoping del Coni, Ettore Torri. Cannavaro aveva presentato alla vigilia di Roma-Juve una richiesta di esenzione per emergenza (era stato punto da una vespa) incompleta nella documentazione.

GUARDA GRATIS TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELLA JUVE

COMMENTA NEL FORUM DELLA JUVENTUS

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT