Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
07 ottobre 2010

Under 21, Casiraghi: con la Bielorussia sarà una battaglia

print-icon
cas

Pierluigi Casiraghi prepara il prossimo incontro delle qualificazioni a Euro 2011: l'Italia Under 21 dovrà affrontare la Bielorussia

Il ct degli azzurrini teme il prossimo avversario nel cammino per gli Europei 2011: ''Sarà una gara difficile. E' una squadra forte fisicamente, ha un reparto avanzato molto pericoloso e ci ha sempre messo in difficoltà''

Gioca a Fantascudetto

L'album della Nazionale

Chiede concentrazione e determinazione ai suoi ragazzi Pierluigi Casiraghi. Sulla strada degli Azzurrini per la fase finale degli Europei 2011 c'è la Bielorussia di Georgi Kondratiev. Una sfida che si giocherà nell'arco di 180 minuti (il ritorno è in programma a Borisov martedì 12 ottobre). Il primo round domani pomeriggio a Rieti, e proprio la formula del doppio confronto preoccupa un po' Casiraghi, che alla vigilia non nasconde le insidie della sfida con i bielorussi. "Sarà una gara difficile - le parole del tecnico - soprattutto nella gestione di un doppio incontro. Ormai ai play off arrivano solo squadre di altissimo livello e questo vuol dire che vedremo una gara equilibrata, una battaglia che si risolverà sicuramente nel match di ritorno a Borisov".

Alla sfida con la Bielorussia l'Under 21 azzurra arriva carica. E Casiraghi chiede apertamente ai suoi di scendere in campo con la stessa grinta e determinazione delle ultime due gare giocate con Bosnia e Galles. "Dovremo fare una partita più improntata sulla tattica che sulla tecnica - sottolinea l'allenatore azzurro - ci siamo preparati molto bene e quello che chiedo è un approccio positivo alla gara e, se possibile, vorrei che riuscissimo noi a fare la partita senza subire gli avversari".

Squalificato Marilungo, l'Under 21 azzurra potrà contare sui ritorni di Lorenzo De Silvestri, l'interista Davide Santon, il sampdoriano Andrea Poli e l'attaccante del Manchester United Federico Macheda. Casiraghi ha sempre creduto nel gruppo e continua a crederci: "In questi ragazzi ora ho visto la personalità ed il carattere giusto - sottolinea - poi con l'aiuto dei veterani siamo migliorati anche in esperienza e qualità. Devono però al tempo stesso rendersi conto che abbiamo semplicemente raggiunto l'obiettivo minimo: un mese fa il play off sembrava un miraggio, ricordare i sacrifici fatti fino ad ora deve servire per andare avanti concentrati e con la giusta determinazione, se vogliamo partecipare alla fase finale in Danimarca".

Casiraghi teme la Bielorussia e non lo nasconde: "E' una squadra forte fisicamente, ha un reparto avanzato molto pericoloso e ci ha sempre messo in difficoltà, a livello giovanile è una squadra di grande tradizione". L'unico dubbio della vigilia, per quanto riguarda l'undici che scenderà in campo, riguarda l'attacco, con Destro e Macheda in ballottaggio per un posto da titolare. Italia e Bielorussia si sono sfidate già sette volte ed il bilancio pende a favore degli Azzurrini, con cinque vittorie, un pareggio e una sconfitta. L'ultimo successo, con Casiraghi in panchina, nella fase finale dell'Europeo 2009 in Svezia, quando la giovane Italia vinse 2-1 con doppietta di Acquafresca.

La Bielorussia si presenta a Rieti con l'intera rosa a disposizione. Il tecnico Kondratiev confida molto nella gara di domani: "Giocare la prima partita in Italia potrebbe essere un vantaggio - le parole del tecnico bielorusso - Dobbiamo segnare almeno un gol. Mi preoccupa un po' la condizione fisica dei miei giocatori. La nostra stagione è in dirittura d'arrivo e il calendario è stato molto intenso".