Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
14 ottobre 2010

Milito: "Mai detto di volere il Real. Messi? Un sogno"

print-icon
ber

Milito esulta nella notte magica di Madrid

L'attacante nerazzurro è intervenuto nella chat con i tifosu su Inter Channel. Ha ammesso che l'offerta delle merengues era reale, ma che non ha mai pensato di andarsene da Milano. "Leo? Vediamo, sarebbe bellissimo, ma lui è felice a Barcellona"

Commenta subito nel forum dell'Inter

Sfoglia tutto l'Album dell'Inter campione

Diego Milito si confessa ai propri tifosi. Nel consueto appuntamento su Inter Channel del giovedì sera, il Principe nerazzurro ha risposto alle domande degli appassionati. Due i temi caldi: la sua ipotetica voglia di andare al Real Madrid e Leo Messi.

Sull'offerta delle merengues, Milito non si sottrae: "Sono felicissimo di essere rimasto. Dopo Madrid si è costruito un caso, ho sbagliato a dire certe cose, ma ero stato sincero, anche se non era forse quello il momento di esserlo. Ma, voglio chiarire ancora, non ho mai detto di voler andare via: stavo e sto benissimo all'Inter; e voglio continuare qui, qui nell'Inter, perché è una grandissima società che mi ha dato tantissimo a livello personale e sono felice". Discorso chiuso quindi.

E Messi? "Vediamo, vediamo... Sarebbe bellissimo, ma in questo momento non è facile, sappiamo che Leo sta benissimo a Barcellona, dove è un idolo. So che gli piace l'Italia, ma è anche vero che la realtà del Barca per lui è molto buona, quindi credo sia realmente difficile fare questo tipo di investimenti, però è un sogno e il mio augurio è che un giorno possa realizzarsi: venire in Italia e giocare soprattutto nell'Inter". L'affiatamento tra i due non sarebbe un problema: "Dovremmo essere noi ad abituarci a lui, perché Messi è unico al mondo. Non lo scopro io, lui in questo momento è il numero uno. Un grandissimo giocatore e giocare al fianco dei grandissimi giocatori è sempre più facile".

Arriva anche una confessione inedita per un attaccante come Milito: "Cosa farò quando smetto? Mi piacerebbe allenare, ma nel calcio non si sa mai. Oggi penso solo a giocare. Allenare i grandi o i bambini? I grandi".