Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
12 dicembre 2010

Milan inarrestabile: ne fa tre al Bologna e resta in vetta

print-icon
ibr

Ibrahimovic festeggia il gol contro il Bologna anche con il brasiliano Robinho a sua volta in rete

Nel match delle 12.30 della 16.a giornata di serie A come contro il Brescia i rossoneri liquidano 3-0 i rossoblu e salgono a quota 36 punti. In rete per la seconda volta consecutiva Boateng, Ibra e Robinho. Abbiati para un rigore a Di Vaio

Guarda le statistiche della serie A

Sfoglia tutto l'Album della Serie A

Gioca a Fantascudetto

GUARDA LE PAGELLE

BOLOGNA-MILAN 0-3
9' Boateng, 35' Robinho, 60' Ibrahimovic

Guarda la cronaca del match


Occorreva una gara da Milan, come aveva chiesto Allegri, per fugare i dubbi sopraggiunti dopo la sconfitta di Champions con l'Ajax e riprendere la marcia in campionato per tenere a bada la concorrenza. Missione compiuta, i rossoneri hanno disputato una gara attenta, equilibrata e cinica nella quale hanno capitalizzato al massimo le occasioni create. Come contro il Brescia, nel 3-0 del Dall'Ara sono andati a segno i tre acquisti d'agosto: Boateng, Robinho e Ibrahimovic. Stessa identica sequenza che premia le scelte di Allegri di puntare su Robinho anziché sul Ronaldinho (rimasto per tutti i 90' a guardare) e su Boateng ancora una volta preferito a Seedorf.

Il pericolo rossoblù era rappresentato da Di Vaio troppo solo contro una difesa della quale Nesta è stato padrone e il Milan non ha sofferto l'assenza di Thiago Silva grazie anche a una buona prestazione di Bonera. Ibra come al solito ha retto da solo il peso dell'attacco trasformandosi in uomo assist in occasione del gol di Prince e poi, dopo la rete di Robinho è andato a cercarsi la gloria personale servito splendidamente da Pirlo.

Il Bologna, dal canto suo, probabilmente affaticato anche dal match infrasettimanale contro il Chievo, è apparso un po' stanco e il solo Ramirez ha impensierito in un paio di circostanze Abbiati che si è superato ella ripresa andando a respingere un rigore calciato da Di Vaio, decretato per un fallo del neo entrato Seedorf. Alla fine il risultato rispecchia la differenza di valori, il Milan, indipendentemente da quello che accadrà nella giornata resta saldamente in vetta alla classifica.