Brasile, assassinato capo tifoso Palmeiras

Calcio
bianchi_sito_globoesporte

Moacir Bianchi, 48 anni, ucciso mentre era fermo ad un semaforo a bordo della sua macchina. I killer lo hanno affiancato e hanno aperto il fuoco. Le fasi dell'agguato riprese da una telecamera di sicurezza. Era il fondatore del gruppo Mancha Alviverde, è il secondo capo della tifoseria a morire assassinato

Il fondatore della "Mancha Alviverde", il principale gruppo della tifoseria organizzata del Palmeiras, la squadra di San Paolo del Brasile, è stato assassinato con 22 colpi di pistola nella capitale paulista. Moacir Bianchi, 48 anni, è stato ucciso mentre era fermo ad un semaforo a bordo della sua macchina. I killer lo hanno affiancato e hanno aperto il fuoco. Le fasi dell'agguato sono state riprese da una telecamera di sicurezza e diffuse dai media locali.

Sulla pagina Facebook della tifoseria organizzata è comparso un messaggio in ricordo di Bianchi e centinaia di tifosi del Palmeiras, club fondato nel 1914 con il nome di Palestra Italia da un gruppo di immigrati italiani, hanno lamentato la sua morte. Bianchi è il secondo capo della tifoseria del Palmeiras a morire assassinato, dopo Cleo Sostenes.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche