Svezia, Djurgarden campione all'ultimo respiro: rimonta nella ripresa, festa memorabile

Calcio
©Getty

Folle ultima giornata dell'Allsvenskan, campionato svedese che premia il club di Stoccolma con il 12° scudetto della propria storia. E pensare che all'intervallo la capolista perdeva 2-0 sul campo del Norrköping, risultato che avrebbe consegnato il titolo al Malmö in corsa come l'Hammarby. La rimonta nella ripresa vale il 2-2 e il traguardo finale a quota 66 punti, uno in più delle due rivali beffate nei 45 minuti conclusivi della stagione

Brividi e festa per il Djurgarden, campione di Svezia per la 12^ volta nella propria storia. A trionfare all’ultima giornata dell’Allsvenskan è la squadra di Bergstrand che, a distanza di 14 anni, riconquista uno scudetto dalla pazza ultima giornata di campionato. Già, perché a 90 minuti dalla fine la lotta per il titolo registrava una corsa con tre pretendenti: Djurgarden in testa con 65 punti, a +3 su Malmö e Hammarby sebbene entrambe avessero una migliore differenza reti (decisiva in caso di arrivo a pari punti).

Finale thrilling in Svezia: scudetto deciso in 45 minuti

Ebbene, all’intervallo degli ultimi 90' il verdetto premiava clamorosamente il Malmö, due gol di vantaggio sull’Örebro a differenza della capolista sorpresa 2-0  in trasferta dal Norrköping (5° al traguardo e senza più obiettivi) e raggiunta pure dall’Hammarby che conduceva 1-0 sull’Häcken. A stravolgere il copione è la rimonta del club di Stoccolma grazie alle reti di Karlstrom e Buya Turay, 24enne attaccante della Sierra Leone nonché capocannoniere del torneo con 15 centri. Quanto basta per blindare il 2-2, vanificare la rincorsa delle avversarie e festeggiare lo scudetto dopo un finale thrilling: memorabile l’invasione in campo dei tifosi e la gioia del gruppo nello spogliatoio.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche