Cina, Lavezzi dà l'addio al calcio. Anche Mascherano saluta l'Hebei Fortune

Calcio

I due argentini hanno salutato il club cinese al termine della partita contro il Guangzhou Evergrande. Il Pocho, autore di un gol, ha chiuso la sua carriera, mentre Mascherano andrà all'Estudiantes. Sui social, il saluto di Paolo Cannavaro all'ex compagno di squadra

Un’ultima partita per salutare la Cina, poi le strade degli argentini Ezequiel Lavezzi e Javier Mascherano si divideranno. I due, compagni all’Hebei Fortune, hanno salutato il club prima della partita di campionato contro il Guangzhou Evergrande, giocata davanti al proprio pubblico e persa 3-1. Mascherano tornerà in Argentina, all’Estudiantes di Veron (presidente del club), mentre il “Pocho” ha annunciato ufficialmente il suo addio al calcio giocato, decisione già nell’aria e confermata dal giocatore stesso con un post sui social.

Il saluto di Lavezzi

“Questa partita la ricorderò per sempre perché è l’ultima della mia carriera – aveva detto Lavezzi di fronte ai tifosi, salutati con un gol, con cui aveva accorciato nel finale – Voglio godermi i miei figli, la mia famiglia. È il momento giusto per prendere questa decisione”. Per poi confermare sui social: “Sono stato molto felice su questo campo, me ne vado sentendomi utile! Grazie a tutti per tanto affetto”. Molto bello anche l’omaggio dei tifosi cinesi ai due giocatori, con uno striscione: “Le leggende non muoiono mai, non sarete mai dimenticati”.

lavezzi addio hebei

L'omaggio di Paolo Cannavaro

Sempre via social è arrivato immediatamente anche il saluto di Paolo Cannavaro, compagno di Lavezzi ai tempi del Napoli (2007-2012): "È arrivato anche per te il momento di appendere gli scarpini al chiodo", ha scritto su Instagram. "Questa maglia, la tua ultima maglia, la terrò custodita tra i miei ricordi più cari. Mi mancherà non sperare di poterti incontrare su qualche campo da calcio in giro per il mondo, perché in quei pochi minuti che scambiavamo qualche chiacchiera a fine gara, era un modo per fare un piacevole tuffo nel passato e sorridere insieme. Oggi quando ti ho abbracciato e chiesto: come ti senti, Pocho? Nella tua risposta e nei tuoi occhi ho avuto conferma di quanto tu amassi questo gioco!!! Oggi il destino ha voluto che nella tua ultima gara, in un paese molto lontano e lontano dai tuoi affetti, almeno io fossi lì con te... te quiero Pocho".

I più letti di calcio