Cannavaro: "Coronavirus, facciamo come in Cina. L'Italia è sulla strada giusta"

CORONAVIRUS

L'ex campione del mondo in isolamento domiciliare appena rientrato nel suo residence di Guangzhou alla Gazzetta dello Sport: "Unione Europea e UEFA deludenti, la lezione della Cina è chiara al mondo. E in Italia l'hanno capito quasi tutti: stiamo a casa". Poi annuncia: "Noi campioni del mondo 2006 faremo sentire la nostra voce"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Dalla Cina all'Italia e ritorno. Non il più facile dei viaggi, di questi tempi: Fabio Cannavaro si è dovuto sottoporre al terzo tampone in poche settimane e per prassi è di nuovo in isolamento domiciliare. "Ma sto bene, qui sono organizzatissimi per garantire ogni necessità e hanno fatto esperienza sugli accorgimenti da adottare per evitare che ora il coronavirus rientri dall'estero", l'allenatore del Guangzhou Evergrande si è raccontato in una lunga intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport. "Perché in Cina ormai è debellato. Questo dev'essere il messaggio all'Italia e al mondo: il male si può sconfiggere, ma ci vuole severità e organizzazione. La dittatura aiuta? Fino a un certo punto. I cinesi sono un popolo da ammirare, che ha capito come comportarsi". Cannavaro spiega il regime preventivo vissuto al culmine dell'epidemia: "Controlli della temperatura ogni volta che passavo dal centro sportivo a casa, nessun pedaggio autostradale per evitare contatti con il personale. E parlo di Guangzhou, a mille chilometri da Wuhan: qui è prevalso il senso della comunità, a costo di sacrifici. Più di tutti gli altri in Italia siamo sulla strada giusta, anche se qualcuno fatica ancora a capire".

Ai giovani: "Il virus è democratico. E ai vostri vecchi non ci pensate?"

Il capitano di Germania 2006, oggi 43 anni, insiste sul ruolo chiave dei comportamenti individuali: "A partire da mio papà, che esce per comprarsi le sigarette fermandosi a fare due chiacchiere. Gli ho spiegato che così rischia il contagio, che rischia di portarlo a casa. Lo stesso vale per i giovani, che si credono immortali. Anche l'errore della scorsa settimana, quando migliaia di persone sono scappate dalla Lombardia, è stato grave. Ragazzi, avete tutti genitori e nonni: se magari voi ve la cavate, loro faranno fatica a trovare un posto in terapia intensiva". Sugli aiuti arrivati al nostro paese: la Cina si è fatta vedere in prima linea, l'Europa ancora no. "Tanti paesi vicini stanno sottovalutando il fenomeno", continua Cannavaro. "Lo dicono i fatti: spero che l'Unione Europea cambi presto registro, mettendo la salute delle persone al primo posto. Per non parlare poi della UEFA. Deludenti e miopi, incapaci di guardare oltre gli affari. Mi auguro che il loro notevole ritardo nel prendere decisioni inevitabili non abbia ripercussioni sui contagi". E oltre ai contributi concreti, il calcio come può rendersi utile in questo momento? "Noi di Berlino abbiamo sempre un'attivissima chat su Whatsapp e ne stiamo parlando: presto avrete delle sorprese. Scenderemo in campo, ci faremo sentire per essere testimoni efficaci e stare accanto alla quella stessa gente con cui abbiamo condiviso momenti indenticabili in quel 2006".

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche