Italia-Svezia under 21, presunti insulti razzisti a Elanga: l'Uefa apre un'indagine

under 21
elanga svezia

Al termine della gara di qualificazione agli Europei under 21, la Federcalcio svedese ha denunciato un presunto insulto razzista di un calciatore italiano contro Elanga. Subito è arrivata la smentita della FIGC, ma l'Uefa ha ufficialmente aperto un'indagine per chiarire l'accaduto

IRLANDA-ITALIA U21 LIVE

Dopo la denuncia da parte della Federcalcio svedese, l'Uefa ha deciso di aprire un'indagine sul presunto insulto razzista da parte di un giocatore dell'Italia in occasione della recente gara di qualificazione agli Europei under 21 giocata a Monza. Per la cronaca la partita si è conclusa sull'1-1, con il gol di Prica che ha pareggiato l'iniziale vantaggio azzurro segnato da Lorenzo Lucca. Ma più che i 90 minuti, a far discutere è stato l'acceso post partita iniziato con le parole del Ct della Svezia, Claes Eriksson, che ha denunciato un presunto insulto razzista nei confronti di Anthony Elanga al termine dell'incontro, seguito poi dal comunicato della Federazione. Sarà quindi l'Uefa a fare chiarezza su questa vicenda, con un'indagine che è già stata ufficialmente aperta. "Ai sensi dell'articolo 31 del regolamento disciplinare Uefa, è stato nominato un ispettore etico e disciplinare dell'Uefa per condurre un'indagine disciplinare in merito agli incidenti che si sarebbero verificati durante il match tra Italia e Svezia, valido per le qualificazioni agli Europei under 21 del 2023 e giocato il 12 ottobre 2021. Le informazioni su questo argomento saranno rese disponibili a tempo debito", si legge sulla nota divulgata dall'Uefa. 

La smentita della FIGC

leggi anche

Svezia: "Insulti razzisti a Elanga". Smentita Figc

Dopo la denuncia da parte della Svezia, era già arrivata l'immediata risposta della FIGC che ha smentito l'accaduto: "In relazione a quanto riportato dalla Federcalcio svedese sul proprio sito e ripreso da alcuni media, smentiamo nella maniera più assoluta che un calciatore della Nazionale Under 21, durante la gara Italia-Svezia disputata martedì sera a Monza, abbia espresso offese a sfondo razzista nei confronti di un avversario, episodio tra l’altro che, da quanto ci risulta, non è stato riscontrato dagli ufficiali di gara o dal delegato Uefa", si legge nel comunicato pubblicato dalla Federcalcio. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche