Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
04 ottobre 2008

Ancelotti: "Ora tra le favorite. Mou lo prendo come agente'"

print-icon
anc

Ancelotti vuole chiudere con una vittoria prima della sosta

Il tecnico del Milan chiede ancora una vittoria per chiudere il ciclo positivo e scherza sul tecnico dell'Inter. Col Cagliari spazio al Ka-Pa-Ro, mentre in panchina si rivede Inzaghi

Candidatura - Cinque vittorie consecutive che hanno permesso al Milan di tirarsi fuori da uno dei periodi più bui degli ultimi anni. Carlo Ancelotti è tutt'altro che sazio, richiede miglioramenti costanti per raggiungere il massimo risultato preventivato per questa stagione: la vittoria dello Scudetto. "Ora lo posso dire. Siamo tra le squadre favorite - ha commentato il tecnico in conferenza stampa - E' soprattutto merito dei giocatori. Ho a disposizione un gruppo sano, formato da giocatori molto disponibili che stanno bene insieme. Questo è fondamentale per poter lavorare in maniera corretta, la fiducia aumenta. Questo periodo ci ha fortificato: abbiamo un gruppo ancor più solido ora". Per coronare la crescita, servirebbero 3 punti domani sul campo del Cagliari. "Sarebbe importante chiudere bene questo ciclo di partite. Se ottenessimo un risultato positivo, potremmo lavorare con maggiore serenità durante la sosta. Sarebbe importante".

Ancora Ka-Pa-Ro - Contro i rossoblù Ancelotti dovrebbe riproporre la stessa formazione, votata all'attacco, che ha ben figurato nel derby vittorioso. Spazio, dunque, ancora al tridente brasiliano con Seedorf arretrato nelle vesti di vice Pirlo. "Oltre a loro, abbiamo Shevchenko che si è sbloccato e Inzaghi che è pronto a partire dalla panchina - ha ribadito l'allenatore di Reggiolo - Dinho? La forma migliora di partita in partita, è un giocatore che sa gestirsi. E' fermo in campo? Se fa certe cose ora, figuriamoci cosa farà quando correrà...".

Mourinho - "Che mi è simpatico l'ho già detto, ma adesso sto pensando che per il mio prossimo contratto potrei prenderlo come agente. Magari mi può dare una mano". Un tentativo di sdrammatizzare l'alterco che ha visto protagonista il tecnico lusitano nei confronti della stampa. L'allenatore dell'Inter ha detto di guadagnare non 9 milioni di euro stagionali, ma dagli 11 ai 14 compresi gli introiti derivanti dagli sponsor.