Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
15 novembre 2008

Ancelotti segna la via: ''Vogliamo tornare in vetta''

print-icon
car

Carlo Ancelotti vuole tornare in vetta alla classifica. Formazione anti-Chievo topo secret: potrebbe giocare Pato al posto dell'infortunato Borriello

Il tecnico rossonero non ha ancora deciso il sostituto dell'infortunato Borriello: ''Potrebbe giocare Pato". Con il Chievo l'obiettivo è vincere e sorpassare l'Inter: ''Guarderò la gara di Palermo ma non guferò''

Una vittoria per tenere il passo nelle zone alte della classifica con la speranza di recuperare presto la vetta. Questo è l'obiettivo che il Milan si è posto alla vigilia della gara con il Chievo. Carlo Ancelotti è sereno e, nonostante il pari di Lecce, ritiene che la squadra sia in un buon momento: "'Vogliamo tornare in testa, ogni partita è buona, è vero che ora dobbiamo sperare negli altri, però al di là del risultato siamo tornati da Lecce con una buona gara, dobbiamo giocare sempre così - ha spiegato in conferenza stampa - Il Milan sta bene, la squadra ha lavorato bene in settimana, siamo in un buon momento dal punto di vista fisico e mentale".

Tuttavia, il tecnico di Reggiolo dovrà fare i conti con qualche infortunio in più e non solo con quello di Borriello: "Zambrotta ha un problema al collo di diversa natura rispetto al problema di Borriello, verrà valutato ma non ci dovrebbero essere problemi. Se non dovesse farcela Zambrotta, giocherà Bonera a destra - ha spiegato - Giocare con due mancini centrali potrebbe essere un problema? Sì, ma visto che abbiamo giocato tanto tempo con due destri, Nesta e Maldini…Ambro non è disponibile, Pirlo non andrà in panchina".

Il toto formazione, come sempre, riguarda l'attacco con Inzaghi, Pato e Shevchenko che scalpitano per un posto accanto a Kakà e Ronaldinho: "Sheva è motivato, disponibile, in crescita, e darà un ottimo contributo - ha detto - Potrebbe fare Pato la prima punta, vista l’assenza Borriello". Proprio sull'infortunio dell'ex genoano Ancelotti rassicura: "L'infortunio è da valutare, perché potrebbe essere un semplice affaticamento. Non so se gli infortuni siano legati a problemi di altra natura, io non giudico le sue vicende personali. Io guardo a lui come giocatore, professionista, da questo punto di vista è migliorato molto".

L'allenatore rossonero, inoltre, sarà davanti alla tv a gustarsi l'anticipo tra Palermo e Inter, gara interessante ma non solo ai fini della classifica: "'Non guferò stasera. La partita mi interessa per aspetti diversi. Mi interessa vedere anche il Palermo, visto che dobbiamo incontrarlo. Mi piace vedere le partite".