Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
08 gennaio 2009

Muntari all'attacco: ''Il Manchester? Anche loro ci temono''

print-icon
mun

Sulley Muntari, centrocampista ghanese dell'Inter

Il centrocampista nerazzurro in un'intervista a Sky (all'interno di "Special 100one", venerdì 9 alle 18.30) analizza la situazione alla ripresa del campionato: ''Pensiamo a Cagliari e Atalanta, poi toccherà al Manchester. Giocheremo due grandi partite''

COMMENTA NEL FORUM DELL'INTER

"Il Manchester come chiodo fisso? Adesso abbiamo il campionato, sabato c'è la partita contro il Cagliari, dobbiamo fare bene, dobbiamo fare 3 punti, poi abbiamo l'Atalanta. Quando si avvicinerà, penseremo al Manchester. Anche noi siamo forti, anche l'Inter è forte, anche loro hanno paura di noi, non siamo una squadra facile da battere. Nella prima parte della Champions non abbiamo fatto bene, però abbiamo imparato dagli errori e, sicuramente, giocheremo due grandi partite, ma prima pensiamo al  campionato".

Il centrocampista dell'Inter, Sulley Muntari dai microfoni di Sky, ha analizzato la situazione alla ripresa del campionato in attesa del big match di Champions con il Manchester United. Un'anticipazione dell'intervista a Muntari che verrà trasmessa domani sera, all'interno di "Special 100one", la rubrica dedicata alla società nerazzurra, in onda tutti i venerdì alle ore 18.30 (e in replica a mezzanotte), su Sky Sport 1. Proprio i Red Devils avevano cercato un pò di anni fa il centrocampista. "Sì è vero nel 2000-2001, prima dell'Udinese". Ora comunque Muntari è all'Inter. "Io devo crescere di più, se gli altri crescono ancora diventano dei mostri, perchè sono forti. La mia speranza in questo 2009 è fare molto bene, segnare tanto, fare bene per l'Inter e vincere tanti trofei. Se c'è un pò di prevenzione da parte degli arbitri nei miei confronti? Sì, io non vado in campo per fare male a qualcuno, ma per vincere. Se sono in ritardo e non riesco a frenarmi... Però, piano piano, sto imparando".

Non c'è però preoccupazione per la prossima sfida di campionato, dopo la sosta. "Preoccupazione non credo, perchè vedo come ci stiamo allenando in questi giorni e sappiamo che l'anno scorso abbiamo fatto molto bene, abbiamo vinto. Ho guardato come fanno loro e devo imitarli. Nessun pericolo, noi vogliamo vincere ogni partita per arrivare fino alla fine".