Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
30 marzo 2009

Pato: "Per un tumore ho rischiato l'amputazione del braccio"

print-icon
mil

Pato in azione durante Milan-Genoa

La confessione dell'attaccante del Milan e dalla nazionale brasiliana nel corso di un programma televisivo. Pato ha rivelato che da ragazzino gli era stato diagnosticato un tumore al braccio sinistro che, per poco, non richiese l'amputazione. IL VIDEO

COMMENTA NEL FORUM DEL MILAN

Nel corso di un programma  televisivo trasmesso in Brasile, Alexandre Pato ha rivelato che  da ragazzino, dopo due fratture, gli era stato diagnosticato un  tumore al braccio sinistro che, per poco, non richiese  l'amputazione dell'arto.

Pato ha parlato nel corso di "Esporte Espetacular", trasmissione sportiva della tv Globo, raccontando come a 11 anni  - prima di approdare nel club importante (l'Internacional di  Porto Alegre) della sua breve carriera - se l'era vista brutta,  dopo essersi rotto per due volte di seguito il braccio nello stesso punto. Gli accertamenti avevano individuato un tumore,  poi rivelatosi benigno, che per un certo tempo fece temere la  necessita' dell'amputazione.

Nella stessa trasmissione, Jorge Macedo, coordinatore delle  categorie di base dell'Internacional ai tempi di Pato, lo ha ricordato come un ragazzino "sempre molto freddo", che non  fece nessun dramma della chirugia attraverso la quale era dovuto  passare. "Si emozionava solo quando parlava al telefono con i  genitori o quando loro venivano a trovarlo, allora piangeva - ha  ricodato Macedo - Si vede che viene da una famiglia con una struttura molto forte, unita".