Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
19 aprile 2009

Donadoni: "Ci manca un po' di cattiveria sotto porta"

print-icon
don

Donadoni perplesso in panchina: il Napoli non sa più vincere

Primo ko per il Napoli guidato dall'ex ct: "Nei primi 15' siamo entrati male, non così convinti e il Cagliari puntualmente ci ha penalizzato. Poi ce la siamo giocata, abbiamo costruito anche delle occasioni clamorose non finalizzate"

COMMENTA NEL FORUM DEL NAPOLI 

Prima sconfitta per il Napoli targato Roberto Donadoni. Dopo quattro pareggi di fila i partenopei sono stati battuti 2-0 in casa del Cagliari, a conferma di un periodo in cui funzionano poche cose. "Nei primi 15' siamo entrati male, non così convinti e il Cagliari puntualmente ci ha penalizzato - spiega Donadoni -. Poi ce la siamo giocata, siamo cresciuti molto, abbiamo messo convinzione e continuità, costruendo anche delle occasioni clamorose non finalizzate, l'ultima proprio prima del gol del 2-0".

Va risolto il problema del gol. "Sono dati di fatto - ammette l'ex ct della Nazionale -. Anche quando siamo arrivati a tu per tu con il portiere ci siamo fatti rimpallare o parare la palla. Manca un pizzico di cattiveria sotto porta e gli avversari alla prima occasione ci castigano". Donadoni guarda anche al futuro. Fabio Cannavaro sembra indirizzato verso un clamoroso ritorno alla Juventus, e secondo Donadoni "se Cannavaro sta per concludere con la Juve significa che si tratta ancora di un giocatore di assoluto livello. Sappiamo cosa può significare a livello contrattuale, è un giocatore che economicamente costa abbastanza e non mi sembra che la politica del Napoli sia questa. Comunque queste sono valutazioni che si faranno, e' difficile dare dei giudizi sulle ipotesi".

Bisogna guardare l'attualità, avverte Donadoni. E l'attualità si chiama Inter, squadra che domenica sera arriverà al "San Paolo" per conquistare punti-scudetto: "Noi - conclude l'allenatore bergamasco - dobbiamo crescere e migliorare per chiudere bene la stagione. Quattro sconfitte e un pareggio in cinque giornate non rappresentano una bella tabella di marcia".