Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
03 maggio 2009

Ancelotti: ''Non pensiamo al 1° posto". E Maldini si ritira

print-icon
pip

Festa rossonera a Catania: l'abbraccio tra SuperPippo, Kakà e Becks

Il tecnico rossonero parla di "discorso scudetto chiuso" e pensa alla prossima stagione: "Dovremo proseguire sulla scia di questi risultati". La base della squadra rimarrà la stessa ma il leggendario Capitano lascerà il calcio

COMMENTA NEL FORUM DEL MILAN

"Non pensiamo a raggiungere il primo posto, pensiamo ad allontanare il quarto. Ci mancano 4 punti e dobbiamo farli in 4 partite". Il Milan è a 7 punti dall'Inter capolista a 4 giornate dalla fine del campionato. Per l'allenatore rossonero Carlo Ancelotti il discorso scudetto è chiuso.

"Io sono molto realista", dice ai microfoni di Sky Sport dopo la vittoria per 2-0 sul campo del Catania. "Stiamo giocando bene, possiamo allenarci per tutta la settimana e i risultati si vedono. Dovremo fare così anche il prossimo anno", dice Ancelotti fornendo l'assist per le domande relative al suo futuro. Le voci sull'accordo già raggiunto con il Chelsea non si placano.

A Taormina, oltretutto, è segnalato anche lo yacht di Roman Abramovich, il miliardario russo proprietario del club londinese.
"Ci mancava solo questo. Ora manca solo l'elicottero di Abramovich che mi porta via, state attenti...", dice Ancelotti prima di tornare serio.

"A fine stagione ragioneremo insieme con la società per programmare il futuro. Il presidente (riferendosi a Berlusconi) è molto soddisfatto del gioco che stiamo esprimendo. La base della squadra rimarrà la stessa per la prossima stagione. E Ronaldinho continuerà ad essere un giocatore del Milan".

Intanto Paolo Maldini ha preso la sua decisione e, assicura, "è stata meditata bene". Il Capitano non giocherà più. Lo conferma lo stesso difensore del Milan nel dopo partita con il Catania al Massimino. "C'è l'orgoglio e anche la convinzione di avere fatto la scelta giusta - afferma in un'intervista a Sky - qualche dubbio la scorsa estate mi era venuto, e non soltanto a me. Io però so quello che valgo e la scelta che ho fatto è stata ben ponderata".
Maldini glissa sul futuro di Ancelotti: "Anche se mi avesse detto qualcosa di diverso da quello che dice pubblicamente - osserva il difensore del Milan - non lo racconterei a nessuno".