Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
12 maggio 2009

Caro Cavaliere, creda: Ancelotti vale come Gianni Letta

print-icon
tre

Gianni Letta, qui col ministro Tremonti, è il prototipo di braccio destro perfetto per Berlusconi. Come Ancelotti

MASSIMO CORCIONE, direttore di SKY Sport, riflette sul colpo di scena di Sharm el Sheik: Berlusconi che silura il tecnico davanti ai turisti. Ma siccome il candidato ideale alla panchina Silvio lo vede solo riflesso nello specchio, meglio un vice fidato

di MASSIMO CORCIONE

COMMENTA NEL FORUM DEL MILAN

Il bar di un albergo di lusso a Sharm el Sheik non è il luogo più adatto per consumare un divorzio. Ma Berlusconi resta imprevedibile e perfino Galliani rinuncia a interpretare il senso della chiacchierata dell’altra notte tra il presidente del Milan e un gruppo di turisti in gita: Berlusconi parla di calcio sempre più da allenatore che da dirigente, le sue osservazioni sulla vocazione d’attacco del gioco milanista non sono una novità, come i contrasti con l’atteggiamento spesso prudente di Ancelotti.

Eppure tutto sembrava volgere nel senso meno prevedibile: nonostante la corte e i milioni di euro promessi da Abramovich, la separazione tra il Milan e il suo allenatore simbolo pareva improvvisamente scongiurata. L’amore rossonero che prevaleva sulla ragione, una storia di calcio&cuore come se ne leggono sempre meno frequentemente.

Poi dalle sponde del Mar Rosso il colpo di scena: processo, requisitoria e sentenza in pochi minuti, senza neppure un difensore d’ufficio per l’imputato. Manca solo l’esecuzione della condanna. O il processo d’appello, magari nell’aula più ovattata di Milanello, con tanto di revisione della sentenza. Già visto, già vissuto. Del resto la soluzione ideale per la panchina del Milan non è praticabile: il candidato ideale, Berlusconi riesce a vederlo solo riflesso nello specchio. Meglio avere Ancelotti, un vice fidato almeno quanto Gianni Letta.