Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
01 settembre 2009

Dalla fabbrica al calcio vero: ecco l'Arma segreta del Toro

print-icon
rac

L'anno scorso Arma ha realizzato 9 reti in 24 partite, con la maglia della Spal

Faceva carrelli elevatori ammirando i calciatori italiani e adesso è uno di loro: Rachid Arma, marocchino classe 1985, inizia la sua avventura col Torino. Ha scelto la maglia numero 22

GUARDA LE FOTO DEI NUOVI ARRIVI GRANATA SUL SITO DEL TORINO

Dal Marocco all'Italia, dalla fabbrica in cui lavorava part-time al calcio che conta. E' la storia di Rachid Arma, operaio marocchino fino all'anno scorso ed oggi attaccante del Torino.

"Facevo carrelli elevatori - racconta il giovane - ora giocherò con i calciatori che ammiravo in televisione. So cosa vuol dire essere fortunati...". Al Torino Arma è arrivato a suon di gol. L'anno scorso ne ha realizzati 9 in 24 partite, con la maglia della Spal. La squadra emiliana l'aveva pescato tra i dilettanti della Sambonifacese e per farlo giocare ha dovuto ingaggiare una battaglia legale con la Lega Pro.

"Dicevano che non potevo giocare perché ero extracomunitario - ricorda - ma poi il Tribunale ha accolto il mio ricorso". Una fortuna per lui che da bambino è arrivato in Italia con la madre, per ricongiungersi al papà operaio in Veneto, e che nel frattempo è andato a scuola e si è anche diplomato. Al Toro indosserà il 22, "perché - dice - è il mio numero fortunato". E' musulmano e rispetta il Ramadan, "ma non - assicura - quando ci sono le partite".