Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
01 ottobre 2009

Cassano, nozze in vista se Lippi non lo convocherà

print-icon
ant

Antonio Cassano e Carolina Marcialis

Il talento di Bari Vecchia rivela i suoi progetti al settimanale "L'Espresso" in edicola venerdì: se a giugno non partirà con gli azzurri per il Sudafrica sposerà la pallanotista di Nervi, Carolina Marcialis. GUARDA GRATIS I GOL DELLA SERIE A

GUARDA GRATIS GLI HIGHLIGHTS DELLA SERIE A

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

COMMENTA NEL FORUM DELLA SAMPDORIA

Genova lo ha cambiato, e non soltanto per il mare, il buon cibo e la tranquillità di una piazza che lo adora. Ad Antonio Cassano il trasferimento sotto la Lanterna ha dato qualcosa di molto più grande: una moglie. Perchè se adesso il talento di Bari Vecchia ha la fama del bravo ragazzo, fenomeno in campo con la maglia della Sampdoria e ragazzo normale fuori, Fantantonio lo deve a una giovanissima donna. Lei, ormai è noto, si chiama Carolina Marcialis, ha 18 anni e di professione fa la pallanuotista nella Diavolina Nervi, serie A1.

Ma tanto è l'amore fra i due che 'Fantantonio' ha già deciso: se a giugno non sarà con gli azzurri di Lippi, come spera con tutto il cuore, affronterà un'avventura molto più impegnativa: quella del matrimonio". Lo rivela il settimanale 'L'Espresso' nel numero in edicola domani.

"Eccolo qui, il segreto della rinascita di Cassano e dell'exploit della Sampdoria di Luigi Del Neri, oggi capolista solitaria in serie A - si legge nell'anticipazione de 'L'Espresso': mezza città che lo ha eletto a idolo, uno splendido quartiere sul  mare che lo ha adottato, una squadra che lo protegge dalle sue stesse 'cassanate' (quella del 2 marzo scorso, con la maglia tirata all'arbitro, rimane l'unica e l'ultima a Genova).

Ma la chiave della serenità acquisita sta soprattutto nell'aver trovato la ragazza giusta, quella che presto diventerà sua moglie. Se a questi ingredienti si aggiungono il rifiuto, fin dall'adolescenza, di alcol, sigarette e qualsiasi tipo di droga, ne esce il quadro di un ventisettenne uguale a tanti altri. Anzi, per molti versi diverso da quel mondo eccessivo e patinato che è il grande circo del pallone fuori dagli stadi".