Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
04 novembre 2009

Ranieri ci crede: "Con l'Inter la partita della svolta"

print-icon
ran

Claudio Ranieri, allenatore della Roma

Il tecnico della Roma concentrato sulla prossima sfida di Europa League contro il Fulham, ma guarda anche al posticipo di domenica. E sulla Juve: "Perché non abbiamo preso Stankovic? Lasciamo stare, non fatemi litigare con Blanc". GUARDA I GOL DELLA ROMA

GUARDA GLI HIGHLIGHTS DELLA ROMA

Claudio Ranieri
fa il punto sulla situazione della Roma, alla vigilia del match di Europa League contro il Fulham. Ospite di un forum nella redazione del 'Corriere dello Sport', il tecnico dei giallorosso ha detto: "Mi aspettavo delle difficolta', questo è innegabile - spiega l'allenatore romano -. Sono già subentrato al Valencia, al Chelsea, al Parma: quando si cambia è perché ci sono dei problemi. Ma è anche vero che quando un allenatore sceglie una squadra, non si deve tirare indietro. Io non l'ho mai fatto e questo lo dice la mia carriera. E' chiaro che subentrando mi sono posto subito l'obiettivo di rigenerare, dare concetti chiari, capibili, lavorare sotto l'aspetto psicologico".

"Giocatori importanti si erano infortunati, quelli recuperati non avevano avuto il tempo di allenarsi". Ranieri torna a parlare della sua esperienza alla guida della Juventus: "Quando una squadra è retrocessa e il tecnico la porta il primo anno al terzo posto ridandole la Champions League e poi al secondo posto, non può rappresentarne il problema - ha ammesso Ranieri - alla Juve sai solo che devi sempre vincere. Io sto a posto così, ora penso alla Roma. I problemi della Juve devono risolverli altri".

Il tecnico romano torna al mancato acquisto di Stankovic. "Era tutto fatto, ma lasciamo stare, non fatemi litigare con Blanc. Sapevo quante sarebbe stato difficile abituare la squadra a giocare con due punte più Diego. Quella squadra non ce l'ave?­va dentro questo progetto tattico. Se ci fossi stato io mi avrebbero già cacciato. Ferrara comincia ora e per me potra' anche fare bene questo mestiere. Era responsabile del settore giovanile quando io ero lì. Non ha mai fatto l'allenatore prima di quest'anno". Infine sul campionato: "Domenica c'è l'Inter, potrebbe essere la partita della svolta. Io però devo pensare prima al Fulham".

COMMENTA NEL FORUM DELLA ROMA