Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
29 novembre 2009

Allegri: "Battere la Juve una grande soddisfazione"

print-icon
cag

Contrasto aereo tra Molinaro e Nenè durante Cagliari-Juve

L'allenatore del Cagliari dopo il 2-0 alla bianconeri: "Abbiamo fatto un regalo ai tifosi della città e della Sardegna. Sono venuti in massa allo stadio a sostenerci". Matri: "Abbiamo sfruttato tutte le occasioni". Nenè: "Ci ho provato ed è andata bene"

GUARDA GLI HIGHLIGHTS DELLA SERIE A

Massimiliano Allegri non nasconde la soddisfazione per la grande vittoria conseguita sulla Juventus: "E' qualcosa di bello che abbiamo regalato a tutti i tifosi della città e della Sardegna. Sono venuti in massa allo stadio a sostenerci: li abbiamo ripagati". Lo spirito di sacrificio è stata l'arma vincente profusa dai rossoblu in campo. "Non dobbiamo perdere questo spirito. In alcuni frangenti a Milano ci eravamo smarriti, oggi non abbiamo sbagliato nulla. Tutti si sono sacrificati, a cominciare dagli attaccanti". Il tecnico ammette di aver deciso forse con troppa fretta il cambio di Lazzari. "L'avevo visto affaticato. Purtroppo due minuti dopo mi ha chiesto la sostituzione Cossu. Matri non stava bene, si è allenato con noi solo a partire da venerdì". I rossoblu nella ripresa hanno sofferto la pressione della Juventus. "Ci sarebbe mancato altro, non dobbiamo dimenticare che loro sono la Juventus e noi il Cagliari. Hanno attaccato, ma quando si trova un avversario che pressa e non fa ragionare, diventa difficile per chiunque".

Alessandro Matri ha siglato il sesto gol della stagione, il quinto consecutivo e si è ripetuto contro la Juventus, dopo la prodezza dell'anno passato a Torino. "Tutti i gol sono importanti, valgono un punto sia contro la Juve che contro il Chievo. Conta la condizione della squadra. Avevo ricevuto l'ordine di tenere la palla, poi ho avuto la possibilità di questo contropiede e ho segnato. Abbiamo sfruttato le occasioni".

Nenè ha avuto il grande merito di sbloccare il risultato con quella sassata imprendibile per Buffon. "Biondini mi ha toccato il pallone, ho visto lo spazio per tirare, e ci ho provato. E' andata bene". Per lui, è stato il sesto gol in stagione. "In Portogallo ne ho fatti 20 in 26 partite. In Italia non chiedo tanto, ma col lavoro, giorno per giorno, spero di migliorare, a tutto vantaggio della squadra".

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT