Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
12 settembre 2010

Daniele&Bruno fanno i Conti con la sfortuna: "E' il calcio"

print-icon
dan

Il drammatico momento dell'incidente a Daniele Conti, per il fallaccio del romanista Burdisso

Papà ex bandiera e ora dirigente giallorosso, figliolo campione del Cagliari. I loro destini si incrociano una volta di più, con il terribile fallo di Burdisso e i 30 punti di sutura al giovane rossoblù. VIDEO E FOTO: ROMANISTI DI IERI E DI OGGI

Commenta nel forum del Cagliari

Guarda le pagelle di Cagliari-Roma

Commenta subito nel forum della Roma

Daniele Conti cammina a fatica. Lo sostiene con affetto e preoccupazione il papà Bruno, direttore tecnico della Roma ed ex bandiera giallorossa, che ha subito seguito il figlio negli spogliatoi dopo l'incidente che ieri ha fatto tremare la serie A nel corso di Cagliari-Roma. Colpa del terribile fallo dell'argentino Burdisso ai danni del giovane attaccante cagliaritano, costretto a lasciare il campo in barella con una ferita profonda alla gamba, figlio di famosissimo babbo appunto. I volti per fortuna si distendono dopo l'apprensione iniziale: "Mi hanno messo un po' di punti, ma mi riprenderò in fretta", sussurra Daniele ancora sotto choc.

"Non c'è tanto da preoccuparsi", ribadisce il papà Bruno, dall'alto della sua esperienza di campione. La prognosi è ancora da sciogliere, ma Conti dovrebbe restare a riposo per una ventina di giorni. Non è servito neanche il trasferimento in ospedale. È stato infatti l'ortopedico del Cagliari, Massimiliano Salvi, a ricucire la ferita del numero cinque rossoblù nell'infermeria del Sant'Elia.

Nicolas Burdisso, protagonista del durissimo fallo su Daniele Conti ha del resto ammesso, con grande con amarezza: "Ho chiesto subito scusa a Daniele e poi di nuovo negli spogliatoi, dove ho parlato anche con suo papà Bruno. Non avevo cattive intenzioni, ho cercato la palla. Spero che lui torni a giocare prima di me, se a qualcuno fa piacere...".

"Dedichiamo questa vittoria a Daniele Conti e al nostro capitano Lopez che ha smesso": dice naturalmente Andrea Cossu. Meno male che è finita (quasi) bene.