Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
26 settembre 2010

Ranieri: "Roma, buona medicina". Chiarimento con Totti

print-icon
tot

Francesco Totti lascia il campo visibilmente irritato con il suo allenatore Claudio Ranieri (Getty Images)

Il tecnico giallorosso si gode il successo sull'Inter e anche se non ritiene la sua squadra completamente guarita ammette: "E' stata la vittoria della volontà". A Trigoria i due si sono parlati e hanno chiuso il piccolo caso

Commenta nel forum della Roma

Il paziente non è ancora del tutto guarito, ma ha preso "una buona medicina". Battere l'Inter "fa sempre bene", anche all'ultimo minuto, e per Claudio Ranieri è "la vittoria della volontà e dell'abnegazione, tutti uniti fino in fondo". Non proprio tutti, visto che Francesco Totti ha preso male l'ennesima sostituzione (con l'uomo partita Mirko Vucinic) e se n'è andato senza festeggiare con i compagni. Ranieri sdrammatizza: "Francesco ha lottato come un leone, è stato un punto di riferimento per noi. Sono gli azzardi che fa un allenatore, lui stava giocando bene, ma Mirko con la sua velocità poteva dare problemi alla difesa. Normale che un giocatore sostituito ci resta male, sa che stava giocando bene, ma a mente fredda sarà più tranquillo. Aver battuto l'Inter gli renderà la serata meno amara, la notte porta consiglio. E' un ragazzo intelligente".

La Roma riparte nella partita più difficile, ma il suo allenatore l'aveva già ritrovata a Brescia, nonostante la sconfitta. "Siamo sulla buona strada, questo risultato farà bene all'entusiasmo e alla voglia di far bene - dice Ranieri -, ma ora pensiamo subito al Cluj in Champions, una partita che non possiamo sbagliare". Allontanata la crisi, torna l'obiettivo di "fare meglio dell'anno scorso". Anche se la rosa non è tanto più ricca dell'ultima stagione. "E' arrivato solo Borriello", sottolinea Ranieri, che almeno ha recuperato gli infortunati.

Il chiarimento - Ranieri e Totti faccia a faccia, questa mattina a Trigoria, alla ripresa degli allenamenti dopo la vittoria della Roma sull'Inter. I due si sono 'chiariti'. Totti avrebbe chiesto di sapere se il cambio aveva un valore tattico o fisico, dichiarandosi pronto fisicamente a completare ogni partita. Ranieri, da parte sua, avrebbe ribadito quanto detto ieri ("mi serviva la velocità di Vucinic") e sottolineato di contare appieno sul numero 10 giallorosso.