Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
08 ottobre 2010

Belfast, dove il calcio è una religione. Di pace, finalmente

print-icon
alt

EURO 2012. Stasera l'Italia di Prandelli torna dopo 52 anni in una città che sta cercando di trovare una normalità nel suo quotidiano, dopo decenni di violenza tra cattolici e protestanti. Viaggio in un cupo passato da ricordare. GUARDA IL VIDEO E LE FOTO

Sfoglia l'album della Nazionale

Commenta nel forum degli azzurri

Le foto: risate azzurre nel ritiro


Euro 2012: tutti in campo per le qualificazioni

E' una città divisa da muri, "linee di pace" venivano chiamati perché permettevano la convivenza di cattolici e protestanti a Belfast. Dal 1998, dal Goodfriday Agreement, un accordo di pace permette ai nord-irlandesi di crescere senza la paura di attentati e del sospetto costante di chi sta loro al fianco. Da allora, l'Irlanda del Nord sta cercando di trovare una normalità nel suo quotidiano. Episodi come l'auto esplosa a Londonderry qualche giorno fa sono eccezioni, per fortuna senza danni.

Erano 52 anni che la nazionale italiana non giocava a Belfast, dal 1958, quando l'Irlanda del Nord è arrivata per la prima volta ai quarti di finale della Coppa del Mondo proprio grazie a una vittoria contro l'Italia nelle qualificazioni. Per il ritorno degli azzurri, hanno aggiunto posti a sedere allo stadio. Per gli ospiti, ma anche per garantire alla squadra di casa un sostegno eccezionale. Al momento dell'inno, vincerà l'unità per una volta.

I giocatori che scenderanno in campo a Windsor Park fanno ancora parte di una generazione che ha negli occhi le immagini dei tempi più neri, quando era difficile anche giocare a calcio; quando pure le squadre si dividevano in cattoliche e protestanti e il calcio, quello vero, lo si andava a vedere con i traghetti nella vicina Inghilterra.

Ancora oggi, leggendo i nomi dei convocati si può intuire la religione di appartenenza di ciascuno di loro, ma sul campo queste differenze non contano più. Adesso i muri sono diventati meta di turismo e c'è chi spinge perché vengano abbattuti. Ora i muri non servono più a dividere, però servono a ricordare.  Come anche la bomba dell'altro giorno, per non dare la pace ormai per scontata.