Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
25 novembre 2010

Milan, Gattuso guarda al campionato: ora viene il duro

print-icon
gen

Ringhio Gattuso suona la carica al Milan: lui è tornato quello di un tempo

Strappata la qualificazione agli ottavi di Champions il Milan può concentrarsi sulla A e Rino avverte: tutte le squadre con cui giocheremo avranno l'atteggiamento di chi affronta la capolista e daranno il 100%. GUARDA LE FOTO E L'ALBUM

Guarda i gol della Champions da Sky Sport

Gli episodi salienti delle prime cinque giornate

Sfoglia tutto l'Album del Milan

Strappata la qualificazione agli ottavi di Champions League, il Milan può concentrarsi sul campionato e Rino Gattuso avverte: "Adesso arriva il duro. Tutte le squadre con cui giocheremo avranno l'atteggiamento di chi affronta la capolista e daranno il 100% - ha spiegato il centrocampista rossonero ai microfoni di Milan Channel -. Lo facevano anche prima, perché giocare contro il Milan è sempre molto importante, però quando sei davanti ogni partita superata è una in meno verso il traguardo finale: i tre punti saranno sempre più pesanti gara dopo gara".

Il Milan però nell'ultimo periodo ha dato prova di solidità e concretezza. "In questo momento abbiamo fuori un giocatore che per me è il calcio, Andrea Pirlo. Il fatto che manchi lui e i risultati arrivino - ha osservato Gattuso -, la dice lunga sulla particolarità di questo sport. Bisogna avere anche tanta fortuna. Ad Auxerre, ad esempio, non abbiamo fatto una gran partita, non abbiamo giocato benissimo, ma si vedeva che la squadra aveva voglia di vincere. Se ci sono queste motivazioni - ha proseguito -, nessuno è indispensabile, tanto meno io".

Eppure Gattuso, dopo una stagione complicata agli ordini di Leonardo, con Allegri sta trovando sempre più spazio. "Le cose stanno andando molto meglio rispetto all'anno scorso, speriamo continui così - è l'auspicio del mediano -. Per la verità, prima dell'infortunio (dicembre 2008, ndr), sentivo la stessa adrenalina e le stesse sensazioni di adesso, poi è successo quello che è successo. Non pensavo che l'infortunio al crociato fosse una passeggiata, ma nemmeno che mi desse tutti i problemi che ho avuto. Ora però, grazie a Dio, va tutto bene".

Commenta subito nel forum del Milan