Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
04 dicembre 2010

Il Novara allunga in vetta, il Varese vola al quarto posto

print-icon
nov

Il Novara esulta per aver consolidato il primato in classifica (Getty)

Nella 18.a giornata di serie Bwin gli uomini di Tesser conquistano l'11.o risultato utile consecutivo battendo 3-0 il Crotone e restano saldamente al comando. La squadra di Sannino batte e supera la Reggina. L'Atalanta vince a Portogruaro

Guarda le statistiche di serie B

Undici gare senza sconfitte, un primato sempre più solido in serie B in un momento in cui il Novara aveva rischiato di rimettere in gioco un campionato che ora ha ripreso la piega data dai piemontesi sin dall'inizio. Gli spettatori interessati, Torino e Siena, che si affronteranno nell'insolito posticipo di domenica alle 12.30, non hanno potuto far altro che registrare l'ennesimo successo della squadra di Tesser. Non ha funzionato, per il momento, la cura del neo tecnico Corini per il Crotone. E nonostante il Novara fosse privo di uomini importanti come Bertani, Morganella, Gemiti e Rigoni gli azzurri hanno battuto 3-0 i calabresi. Nella prima frazione di gioco è andato a segno Porcari con un tiro deviato, a metà della ripresa Rubino ha prima congelato il risultato sul 2-0 e poi ha firmato la doppietta personale garantendo il primato a quota 40 punti.

Ha risposto alla battistrada l'Atalanta impegnata in un match non proibitivo a Portogruaro contro una squadra in crisi di risultati e di gioco, precipitata in fondo alla classifica dopo un avvio promettente. L'esordio di Agostinelli sulla panchina dei veneziani è stato amaro, gli uomini di Colantuono si sono imposti 2-1 su un campo pesantissimo. Nonostante i forfait di Doni e Tiribocchi ci hanno pensato Ruopolo e Ceravolo a regalare il successo alla Dea. Il gol dei padroni di casa segnato su rigore trasformato da Cunico ha soltanto acceso il finale ma non ha modificato le sorti del confronto. Con questa vittoria l'Atalanta sale al secondo posto superando la Reggina che ha incassato una pesante sconfitta a Varese. Non tanto per il risultato, la gara è terminata 1-0, quanto per il sorpasso anche della squadra di Sannino che si è portata in quarta posizione a quota 29 punti e dopo il Novara rappresenta la più bella sorpresa di questo campionato. Match winner dell'incontro è stato Ebagua che appena entrato ha messo la firma sul confronto.

Continua a perdere colpi e punti l'Empoli che all'Atleti Azzurri viene sconfitto dall'AlbinoLeffe con un netto 2-0, grazie a una doppietta di Cissè. Per i seriani una vittoria importantissima in chiave salvezza, mentre l'Empoli scivola a 3 punti dal treno playoff. Giornata poco felice anche per il Padova che era atteso a un match non semplice contro un Ascoli in graduale risalita. La formazione di Castori, penalizzata ancora di un punto (il quarto in totale) in campionato è stata artefice di una bella prova d'orgoglio che ha portato i marchigiani alla vittoria per 1-0 contro i veneti grazie a un bel colpo di testa di Cristiano. Con questo sccesso l'Ascoli si tira fuori dalle zone pericolose di classifica mentre il Padova, giunto alla terza sconfitta consecutiva, spreca una buona occasione per accorciare verso i piani alti della graduatoria.

Nell'altro big match di giornata Livorno e Pescara hanno impattato 1-1 all'Armando Picchi. Gli abruzzesi hanno sfiorato il colpaccio esterno dopo il vantaggio di Mengoni ma, a inizio ripresa Schiattarella, con il suo primo gol in campionato, ha riequilibrato le sorti del confronto per un punto che consente agli amaranto di agguantare la Reggina in classifica e al Pescara di raggiungere il Padova a 24 punti. Continua a scalare posizioni il Cittadella che grazie alle due doppiette di Perna e Gabbiadini chiude sul 4-1 il match contro la Triestina. Per gli alabardati gol della bandiera di Testini.

Per la prima volta in stagione il Grosseto di Moriero vince in casa battendo 3-1 il Modena con le reti decisive di Greco, Caridi e Guidone e torna a respirare ossigeno puro. Infine finisce 1-1 lo scontro diretto tra Sassuolo e Piacenza. Un pari che non cambia di molto il presente di entrambe relegate nei bassifondi a 17 punti in compagnia della Triestina e con sole tre lunghezze dal Portogruaro ultimo.