Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
01 maggio 2011

La Roma rivede la Champions, a Bari è Totti show

print-icon
tot

La Roma di Totti crede ancora alla Champions (Getty)

I giallorossi vincono 3-2 al San Nicola grazie al gol di Rosi e alla doppietta del capitano, che supera Baggio e si piazza al 5° posto nella classifica dei marcatori di A con 206 reti. Lazio ora ad un solo punto. GUARDA LE FOTO

Guarda le statistiche della Serie A

La Roma a DiBenedetto: le tappe della trattativa

Guarda l'album della Roma

LE PAGELLE


Guarda la cronaca dei match


BARI-ROMA 2-3

25' pt rig. Bentivoglio (B), 30' pt, 12' st rig. Totti (R), 41' pt Huseklepp (B), 49' st Rosi (R)

Nel posticipo domenicale di Bari la Roma agguanta una vittoria fondamentela per la corsa Champions grazie ad un gol a dir poco rocambolesco di Rosi (di pancia) al quinto di recupero. I capitolini, che avevano sprecato un rigore con Totti qualche minuto prima (il risultato era 2-2) agganciano l'Udinese a 59 punti e inseguono ora la Lazio a -1, in attesa che gli uomini di Reja affrontino la Juventus all'Olimpico. Nonostante l'errore, il capitano giallorosso, autore di una doppietta, tocca quota 206 reti e supera Roberto Baggio conquistando il 5° posto nella classifica dei marcatori della storia di A. Nessuno, tra i giocatori in attività, ha segnato più di lui. Nel mirino ci sono ora Altafini e Meazza (entrambi a 216).

Montella conferma la difesa di sabato scorso con il Chievo, Cassetti e Riise sulle fasce e la coppia Juan-Burdisso al centro. In mezzo al campo, di fianco a De Rossi la "mente" del gioco Pizarro, Perrotta solito incursore, Vucinic e Menez larghi a sostegno dell'unica punta Totti. I pugliesi - fischiati dalla curva nord al coro di "mercenari" - devono rinunciare all'intero reparto d'attacco (Rudolf squalificato, out Barreto, Castillo, Kutuzov e Okaka). Mutti schiera Bentivoglio dietro Romero e Huseklepp.

Non succede praticamente nulla fino al 24', quando Juan è goffo nell'intervenire di mano sul cross di Huseklepp dalla destra. Dagli undici metri Bentivoglio spiazza Doni. Non passano 5 minuti che gli ospiti trovano il pari: Totti calcia una punizione dal limite con un esterno destro d'antologia che non lascia scampo a Gillet. La Roma s'illude, ma non affonda il colpo. Così, sul  finale di tempo sono ancora i padroni di casa a trovare la via del gol, su una ripartenza: Romero mette una palla tesa sempre dalla corsia di destra (Riise disastroso in fase di contenimento), colpo di testa in tuffo di Huseklepp e nuovo vantaggio barese.

La ripresa riparte con un cambio (Borriello per Menez), ma si apre nel peggiore dei modi per la Roma: De Rossi,  nervosissimo, stende Bentivoglio con una gomitata in pieno viso e Russo non può fare altro che estrarre il rosso diretto. I giallorossi non si abbattono, e si fanno subito pericolosi con un'altra fucilata di Totti su calcio piazzato, anticamera del pareggio, su penalty (Belmonte trattiene Juan in area) che lo consegna alla storia del calcio italiano: Baggio è scavalcato.

La partita non concede tregua fino all'ultimo, ci provano Bentivoglio e l'incontenibile Huseklepp (Doni fa buona guardia), ma è Borriello l'uomo in più, furbo soprattutto nel guadagnarsi il terzo rigore del match, accentuando la trattenuta di Glik (rosso per lui).  Gillet è miracoloso nel deviare sul palo il forte e angolato tiro di Totti (replay dell'andata). C'è tempo ancora per vedere una traversa clamorosa di Ghezzal e l'espulsione di Perrotta, ma sopratutto la rete rocambolesca di Rosi che regala ai giallorossi 3 punti determinanti per agguantare l'Udinese e inseguire la Lazio nella corsa Champions.

(A.C.)

Commenta nel Forum della Roma

Commenta nel forum del Bari

Commenta nei Forum del Calcio Italiano