Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
04 luglio 2011

Inter, tifosi a raccolta sul web: "Facchetti non si tocca"

print-icon
fac

La foto di Giacinto Facchetti campeggia sulla home page del sito dell'Inter

E' l'iniziativa lanciata dal club attraverso il proprio sito. La pagina Facebook dei nerazzurri invasa da commenti: "Il 14° scudetto è nostro". L'invito è di mettere come foto del profilo quella dell'ex dirigente. Si invoca l'intervento di Mourinho

NEWS - Scudetto 2006: "Inter, archiviazione per prescrizione" - Moratti: "Revoca dello scudetto? Non considero l'ipotesi"

Un attacco "duro e inaccettabile" lo ha definito Massimo Moratti
. La relazione di Stefano Palazzi sulla questione Scudetto 2006 ha lasciato sgomento il popolo nerazzurro che rispedisce al mittente le accuse, i dubbi, specie quando viene chiamato in causa Giacinto Facchetti l'allora presidente in carica. "Tutti con Facchetti, i tifosi per Giacinto", è l'iniziativa che nasce dal sito dell'Inter. Dare un segnale forte, di protesta per ciò che i supporters non accettano: essere tirati in ballo nell'affare Calciopoli. La rivendicazione per lo Scudetto 2006, il 14.o della storia nerazzurra, parte da Facebook, dalla official Fan Page del club, ed è urlata a gran voce: "Quel tricolore è nostro, non si tocca". Ciò che invece è stata toccata, in qualche modo sporcata, è l'immagine di Facchetti, per questo l'invito è quello ad inserire nel proprio profilo una foto dell'ex calciatore e dirigente dell'Inter. C'è chi riassume le qualità dell'uomo Facchetti citando la scritta sulla fascia di capitano di Javier Zanetti: "Tu sei tutto quello che un uomo dovrebbe essere! Ci mancherai...ciao Giacinto!".

Poi continua la difesa della bontà delle azioni del club e riparte l'attacco, con toni diplomatici, alle volte ironici: "Sono così ridicoli, che perfino Checco Zalone gli ha fatto una canzone" (ricordando i giocatori bianconeri campioni del mondo nel 2006). Qualcuno pensa anche ad azioni concrete: "Facciamo qualcosa di legalmente rilevante o ci limitiamo a parlare?", è il dubbio che incombe sul popolo nerazzurro. C'è chi propone una soluzione estrema: "Presidente Moratti se legge ascolti la mia proposta: comperiamo da una squadra neopromossa il titolo per giocare in Premier League, trasferiamo la sede in una qualunque cittadina inglese e scrolliamoci di dosso un movimento calcistico che anche oggi ha dimostrato di non rispettarci!".

I commenti si fanno duri, a volte offensivi e infine c'è chi invoca addirittura l'intervento di Mourinho, "predicatore" indimenticato e voce della verità del popolo nerazzurro. Chissà se questa volta José tornerà alla carica.