Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
22 marzo 2012

Galliani: "Ero innamorato di Tevez". E Pato va negli Usa

print-icon
tev

L'Apache Carlitos Tevez è tornato: qui con la t-shirt beneagurante per il povero Muamba del Bolton

Dopo il ritorno in campo dell'Apache nel match contro il Chelsea, l'ad del Milan che a gennaio era arrivato a un passo dall'argentino: "Un treno così non passa più. Ma ora di Maxi Lopez siamo contentissimi". Pato lunedì ad Atlanta per controlli. LE FOTO

Carlos Tevez fa ancora "impazzire" Adriano Galliani, specie dopo il fantastico assist di ieri sera nel match vinto dal Man City contro il Chelsea. Ma al momento è difficile pensare all'argentino con la maglia del Milan, perché "un treno così non ripassa una seconda volta".

"Ieri ho visto Carlitos, dopo sei mesi che non giocava è entrato in campo cattivo come al suo solito e ha cambiato la partita che può essere una svolta per il Manchester City - ha spiegato Galliani, durante un evento con Msc Crociere -. Mi fa impazzire". L'ad rossonero a gennaio è stato a un passo dall'acquisto di Tevez, ma una volta sfumato l'affare ha virato su Maxi Lopez. "Io ero innamorato di Tevez, il destino ha deciso così, e di Maxi Lopez siamo più che contenti", ha spiegato Galliani.

Poi l'ad del Milan riflette sulle conseguenze dell'eliminazione dei rossoneri dalla Coppa Italia. "Quella contro la Juve è un'eliminazione che non lascia traccia perché la differenza l'ha fatta un gol nel supplementare. Noi siamo felici di come siamo in campionato e speriamo di andare avanti così. Le polemiche? Le rivalità sono da sempre il sale del calcio".

Adesso si pensa al match contro la Roma, che per Galliani non ha la stessa importante di quella di Udine. "La gara con la Roma non ha la stessa importanza di quella di Udine, è una gara fondamentale come le altre nove che mancheranno. A Udine abbiamo capito che cambiava il campionato. Turnover? Io da sempre sono totalmente contrario, il Milan deve giocare tutte le gare con la migliore formazione".

"Pato? Il cruccio è grandissimo per lui, per Boateng e tutti i giocatori grandissimi che sono  infortunati. Pato sta facendo una preparazione particolarissima, può darsi che la settimana prossima vada di nuovo negli Usa per consulto  con un luminare diverso da quello dell'anno scorso. Pato guarirà,  deve guarire per forza" ha dichiarato ancora Galliani.

E infatti arriva anche un comunicato che riguarda il brasiliano. Pato partirà lunedì per gli Stati Uniti per alcune visite di controllo, come anticipato dall'ad rossonero. "A.C. Milan comunica che Alexandre Pato, impegnato in questi giorni a Milanello nel suo programma atletico personalizzato, si recherà lunedì prossimo ad Atlanta, Georgia, nel Sud Est degli Stati Uniti, assieme a Jean Pierre Meersseman e al preparatore atletico Bruno Dominici", si legge in una nota del Milan. "Pato si sottoporrà a esami medici e visite di controllo con il professor Frederick Carrick, presso la Life University of Marietta".

Tornando alla squadra. Nei giorni scorsi aveva fatto rumore un'intervista a Van Basten, ma Galliani assicura che Allegri rimarrà a lungo. "Non ho mai parlato con Van Basten, abbiamo rinnovato il contratto ad Allegri per due stagioni e tutto mi fa pensare che resterà qui per molto tempo. Van Basten è Van basten, ma il nostro ultimo problema è quello dell'allenatore".