Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
20 aprile 2013

Ronaldo fa visita alla Juventus. E Conte punzecchia Galliani

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

Incredibile a Vinovo, dove il Fenomeno ex-Inter incontra Conte e i giocatori. Intanto, alla vigilia del big-match con il Milan, il tecnico juventino risponde con ironia all'ad rossonero: "Dice che siamo alla pari? Ha ragione..."

Nella tana del "nemico". Ronaldo, il Fenomeno ex Inter, in visita alla Juventus: chi l'avrebbe mai detto. Eppure è successo: il brasiliano, a Torino per partecipare alla presentazione della Confederations Cup, ne ha approfittato per visitare Vinovo e incontrare Antonio Conte e i giocatori della Juventus, avversari di una vita calcistica (indimenticabile il suo "scontro" con Iuliano).

Gli ultimi due anni... - Nel pomeriggio, in conferenza stampa, un Conte ironico e pungente aveva risposto ad Adriano Galliani, "colpevole" di aver messo Milan e Juventus sullo stesso piano, definendole "alla pari".
"Galliani ha ragione - la replica del tecnico juventino - E non sempre vincono i più forti. Le statistiche dicono che negli ultimi 2 anni non è capitato al Milan di vincere", la replica condita da un pizzico di ironia.
"Il Milan è forte come noi e vorrà dimostrare di essere una grandissima squadra. Io non ho alcun dubbio, i rossoneri stanno lavorando molto bene. Hanno venduto Ibra e Thiago ma hanno comprato bene e sarebbero stati molto competitivi se non fossero partiti male", aggiunge Conte. "All'andata abbiamo perso una partita strana. Il Milan giocò una partita aggressiva e vinse con un episodio discusso", dice ripensando al rigore a dir poco dubbio assegnato ai milanesi. "Per noi - prosegue - fu una sconfitta meritata, credo che quella partita abbia dato il via alla rinascita del Milan".

Big-match quasi decisivo - Lo scudetto è vicino, Antonio Conte può guardare la classifica con serenità. La sua Juventus comanda con 11 punti di vantaggio sul Napoli a 6 giornate dalla fine, una vittoria nel big match con il Milan sarebbe il passo decisivo.
"Non mi sarei mai sognato 11 punti di vantaggio a questo punto della stagione. Abbiamo fatto un cammino straordinario, nonostante le ruote sgonfie in qualche momento: penso ad esempio ai 4 mesi in cui sono stato squalificato", dice Conte alla vigilia della sfida con i rossoneri, impegnati ad  inseguire il secondo posto occupato dal Napoli.
"Qualcuno ha scritto che vorremmo far arrivare il Milan al terzo posto. E' una fesseria, è da provinciale confrontarsi con gli altri. Guardiamo in casa nostra, se vinciamo ci avviciniamo in maniera  sostanziale allo scudetto", dice.

Formazione: possibile rientro di Chiellini - Capitolo formazione: in difesa potrebbe rientrare Giorgio Chiellini. "Sta abbastanza bene, ma siamo sereni perché ci sono anche Peluso e Caceres. Chiellini interpreta il suo ruolo in modo eccezionale: se sta bene, gioca", dice Conte.
Nel match vinto 2-0 lunedì sul campo della Lazio, la Juve ha schierato tutti i centrocampisti. "Abbiamo fatto bene soprattutto nel primo tempo, nella ripresa ci siamo un po' rilassati. Bisogna adattare il sistema alle caratteristiche dei giocatori: lo scorso anno volevo partire con il 4-2-4, poi mi sono ritrovato tra le mani un giocatore come Vidal che si è rivelato imprescindibile con la sua aggressività. Ora ho Pogba, un calciatore di 19 anni che sta crescendo in maniera esponenziale. L'età non conta, conta se ci sono grandi potenzialità".