Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
10 giugno 2015

"Vi lessiamo le pecore col geyser". Pescara contro l'Islanda

print-icon
tif

La pagina Facebook dell'Islanda presa d'assalto dai tifosi abruzzesi

I tifosi abruzzesi tempestano di ironie (anche pesanti) la pagina Facebook della Nazionale nordica: tutta colpa del match di playoff Serie B perso con il Bologna a causa (secondo molti) della convocazione di Bjarnason per Euro 2016

L'Abruzzo dichiara "guerra" all'Islanda e lo fa a colpi di arrosticini, pecora stufata e anche altri riferimenti poco eleganti all'eruzione dell'impronunciabile vulcano Eyjafjallajkull. Tutta colpa del calcio e del match di martedì sera tra Bologna e Pescara finito 1-1 e costato agli abruzzesi il tanto sognato ritorno trionfale in serie A. E l'Islanda, almeno secondo i supporter del club biancazzurro, sarebbe la principale responsabile del risultato deludente.

Perché? La risposta è Birkir Bjarnason, giocatore del Pescara richiamato giorni fa dalla Nazionale di appartenenza impegnata nella Qualificazione agli Europei. Una convocazione mal digerita dai tifosi, che ha impedito al calciatore di presenziare alla partita decisiva per il ritorno in A. La vendetta dei pescaresi - e dell'Abruzzo intero - non si è fatta attendere: da martedì sera è infatti in corso un cosiddetto shitstorm sulla pagina Facebook della selezione islandese nel segno dell'ironia. E del dialetto stretto.

"Ridateci Birkir o vi mandiamo la Pezzopane!", minaccia un utente, "Ma addò vi presentet che nin sapet manc che è lu timball", ribatte un altro, fino al definitivo "Vi facem tutte le pecore less sui geyser" o l'inquietante "V'ammazzem Bjork". Scorrono a centinaia i commenti  sotto gli occhi un po' perplessi dei supporter islandesi, che cercano  invano di placare gli animi con commenti misurati e amichevoli, tentando di scavalcare - senza successo - anche le barriere  linguistiche: "Non capisco - ammette sconsolato un tifoso nordico alla ricerca del dialogo impossibile -, su Google Translator non mi  traduce le frasi, come se non fosse italiano...". Te credo.