Kakà espulso con la VAR, ma è un errore: scherzava con Collin

Calcio
kaka_espulso

Non sempre la tecnologia funziona alla perfezione, almeno quando è soggetta a un'interpretazione umana. A farne le spese è stato il fantasista brasiliano dell'Orlando City che si è visto espellere dopo aver messo le mani in faccia, per scherzo, al suo amico-avversario Collin

Incredibile ma vero quanto accaduto nell'ultimo match di MLS giocato dagli Orlando City. Ricardo Kakà espulso dopo consulto della VAR per aver messo le mani in faccia a un avversario, Aurelien Collin dei New York Red Bull. Detta così non ci sarebbe niente di male, anzi, sarebbe solo una giusta applicazione del regolamento. Il fatto sta che Kakà e Collin, che sono amici stavano scherzando. C'era stato un piccolo accenno di battibecco tra diversi giocatori di Orlando e New York per un'entrata fallosa e proprio Kakà, al termine di questo piccolo parapiglia, aveva provato a calmare il suo amico avversario, sorridendo e cercandogli di tappare la bocca.

Questo atteggiamento, durante l'analisi dell'azione, è stato ritenuto gravemente antisportivo da parte dell'arbitro che ha ammonito prima altri due giocatori, uno per Orlando e l'altro per New York, e poi si è diretto verso Kakà mostrandogli il cartellino rosso. Inutile il tentativo, anche di Collin, di spiegare all'arbitro che i due stavano scherzando. Collin stesso, rispondendo a un post della MLS che mostrava la scena, ha spiegato: "Si vede che stavamo scherzando, siamo fratelli!". Il brasiliano potrà solo sperare in una revisione della decisione per non saltare la prossima partita di campionato.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche