Nazionale, Roberto Mancini: "Pochi italiani in campo, ma c'è qualità"

Calcio
mancininazionale

Il Ct della Nazionale ai microfoni di "Radio Deejay" ha parlato dei pochi italiani in campo in Serie A: "E' un po' un problema, ma spero di vederne di più nel corso della stagione"

Il Ct dell'Italia Roberto Mancini è intervenuto a "Deejay Football Club", trasmissione radiofonica in onda il sabato su Radio Deejay:"Ci sono pochi italiani in campo e questo è effettivamente un problema, spero che riescano a giocare di più perché ci sono elementi con qualità enormi, anche se adesso ci mancano calciatori come Baggio o Totti". Mancini, che farà il suo esordio ufficiale sulla panchina dell'Italia in Nations League contro la Polonia, ha fatto il punto su alcuni giocatori della Nazionale: "Bernardeschi ha qualità enormi, alla Juventus è migliorato anche sotto il punto di vista della personalità. Jorginho ha fatto benissimo al Napoli, giocare al Chelsea lo migliorerà. Balotelli? C'erano chance che andasse al Marsiglia, per Mario è importante giocare". Tre giorni dopo la sfida contro i polacchi, l'Italia sfiderà il Portogallo di Cristiano Ronaldo: "È un peccato che sia arrivato solo ora in Italia, avrebbe potuto farlo 15 anni fa quando era allo Sporting quando tutti i migliori volevano la Serie A. Certamente, anche adesso, alza la qualità del campionato". Poi un commento sulle squadre probabili protagoniste della nuova Serie A: "Ho visto la Roma a Torino, ha disputato un’ottima gara. Ha tanti giovani, serve qualche italiano in più. Voglio vedere il Milan, mentre l’Inter come la Juve è migliorata molto col mercato estivo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche