Argentina, tabelline in allenamento: chi sbaglia ripete l'esercizio

Calcio

L'innovativo metodo è stato introdotto in Argentina dall'allenatore del Justo José de Urquiza: mentre i giocatori stanno svolgendo un esercizio fisico, vengono "interrogati" con calcoli matematici che impegnano anche la mente. E chi sbaglia la risposta ricomincia il percorso

LE NEWS DI SKY SPORT ANCHE SU WHATSAPP

Chi pensa che il calcio sia tutta una questione di matematica ha finalmente trovato il suo allenamento ideale: è la nuova preparazione atletica ideata dallo staff del Justo José de Urquiza, piccolo club di Buenos Aires, che gioca nella terza divisione del campionato argentino. I giocatori, uno alla volta, iniziano un percorso atletico in cui sono richieste concentrazione e coordinazione: piedi che si muovono rapidi, passi corti e veloci a evitare gli ostacoli posizionati per terra. Come se non bastasse però, durante l'esercizio, l'allenatore pone un quesito di matematica al povero atleta, che si ritrova così costretto a dover usare anche la testa.

"13 x 2 - 3", oppure: "22 x 3 +5". Chi risponde bene, si "salva"; chi sbaglia è costretto a un nuovo giro e, di conseguenza, a una nuova interrogazione. Un metodo che costringe la mente a uno sforzo superiore di concentrazione, dovendo badare a risolvere due problemi contemporaneamente. Ne consegue però che i più scarsi in matematica, alla fine, saranno per forza i più allenati, mentre i cervelloni se la caveranno sempre con una breve sessione. Avrà pensato anche a questo il prof allenatore?

I più letti di calcio