Emiliano Sala news: test dopo autopsia rilevano monossido di carbonio

Calcio

Possibile svolta nell'indagine dell'AAIB, che ha pubblicato un secondo bollettino sull'incidente aereo che ha causato la morte dell'argentino: l'autopsia sul corpo del giocatore ha rivelato un'elevata esposizione a monossido di carbonio. Si pensa che anche il pilota, David Ibbotson, sia entrato in contatto con lo stesso gas nocivo

Emiliano Sala è stato esposto a elevati livelli di monossido di carbonio. Lo ha stabilito l’Air Accidents Investigation Branch (AAIB) in seguito all'autopsia effettuata sul corpo dell'attaccante argentino: la struttura investigativa che si sta occupando delle indagini sull’incidente aereo dello scorso gennaio, che ha provocato la morte del giocatore e del pilota David Ibbotson, ha pubblicato un secondo bollettino in attesa di quello definitivo. I test sul corpo di Sala hanno riscontrato un elevato livello di gas nocivo nel sangue, tale da causare attacchi di cuore, convulsioni o perdita di coscienza. Come Emiliano Sala, si legge nel documento, è probabile che anche Ibbotson possa essere entrato in contatto con il gas, altamente velenoso per l’organismo. Ma il corpo del pilota non è ancora stato ritrovato. Il monossido di carbonio "può ridurre o inibire la capacità di un pilota a seconda del livello di esposizione", scrive l’AAIB nel suo comunicato. "L'indagine stabilirà come è morto Emiliano – ha detto l’avvocato della famiglia del giocatore -. La notizia del monossido di carbonio solleva molte perplessità. La famiglia deve sapere come il gas sia entrato nella cabina dell’aereo".

Il secondo bollettino pubblicato dalla AAIB

I più letti di calcio