Bendtner, flop in allenamento con il Copenhagen: sbaglia l'impossibile

Calcio

L'attaccante danese, tornato al Copenhagen, è apparso decisamente arrugginito in allenamento. Tante occasioni sbagliate, alcune davvero clamorose. E le immagini stanno facendo il giro del web

GLI AUGURI HOT ALLA COMPAGNA

Nicklas Bendtner una volta si è descritto come il miglior attaccante del mondo. Ma, a giudicare dalle ultime riprese del suo allenamento con il Copenhagen, risulta difficile pensarlo veramente. Il danese, che oggi ha 31 anni, è stato uno dei protagonisti delle ultime ore di mercato, che lo hanno visto tornare a casa sua dopo un'ultima stagione a dir poco complicata al Rosenborg (solo 16 presenze e tre gol). Copenaghen, la città in cui è nato e ha mosso i primi passi, l'ha riaccolto, ma adesso si augura che il vero Nicklas non sia quello visto in allenamento. Stanno infatti facendo il giro del web alcune riprese della sessione oderna dei danesi, con Bendtner a dir poco impreciso sotto porta. Un paio di gol sì, ma poi il vuoto. Tentativi falliti a due passi dal portiere, palloni calciati in curva e una postura del tutto da rivedere. Insomma, totalmente arrugginito. Anche perché il danese non gioca una partita ufficiale dallo scorso aprile. 

Dall'Arsenal al carcere

Tuttavia di appendere gli scarpini al chiodo non ne vuole proprio sapere. Dal 2014 ad oggi ha cambiato quattro squadre. Bendtner non ha più ritrovato quella stabilità che lo caratterizzava ai tempi dell'Arsenal, squadra che lo ha accolto da ragazzo e che lo ha consacrato. 47 gol in 171 partite con i Gunners, poi le parentesi con Birmingham, Sunderland, Juventus, Wolfsburg e Nottingham Forest. Nel novembre dello scorso anno Bendtner è stato condannato a 50 giorni di carcere in Danimarca per aver aggredito un tassista. Pochi giorni fa, prima di intraprendere la sua nuova sfida, ha pubblicato sui suoi canali social un video particolare per fare gli auguri di compleanno alla fidanzata, che non si è fatta problemi nel ballare in topless. I tifosi, adesso, sperano di poter ballare grazie ai suoi gol.

I più letti di calcio