Asprilla: "Julio Fierro mi chiese autorizzazione a uccidere Chilavert"

Calcio
asprilla san siro

La rivelazione dell'ex attaccante durante uno speciale sul colombiano di Telepacifico: "Tutto 'per risolvere' la mia rissa con il portiere durante Paraguay-Colombia. Ma ciò che succede in campo deve finire in campo: per fortuna lo capirono"

Una rivelazione shock, a distanza di 22 anni. Faustino Asprilla, ex attaccante di Parma e Newcastle, ha avuto nelle mani la vita di José Luis Chilavert: "Era appena finita Paraguay-Colombia", il racconto di Tino durante un'intervista a Telepacifico. "Ricevetti una telefonata: era Julio Fierro". Un noto narcotrafficante colombiano, con un passato al fianco di Pablo Escobar. "Mi ha chiesto di venire al suo hotel: l'ho trovato con altre dieci persone, tutte ubriache e accompagnate da donne paraguaiane. E a quel punto Fierro mi chiese di autorizzare due dei suoi a rimanere ad Asuncion, 'per uccidere quel ciccione di Chilavert'". Asprilla non perse però il sangue freddo: "Ma sei pazzo? Quel che succede in campo finisce in campo". Tino era tra i più rispettati dei Cafeteros e dunque esecuzione annullata.

Asprilla decide le sorti di Chilavert: la ricostruzione cartoon di Telepacifico

Il 'movente': la rissa durante Paraguay-Colombia

"In campo", poche ore prime, Asprilla e Chilavert salirono alla ribalta ben al di là del risultato. 2-1 per il Paraguay, in una partita chiave per le qualificazioni ai Mondiali del '98: come spesso succede in Sud America, il clima è incandescente e nel finale sale il nervosismo. Il portiere goleador sputa addosso all'attaccante, che reagisce con una manata in bocca. Doppio rosso, e controrisposta di Chilavert negli spogliatoi rifilando un pugno ad Asprilla. Episodio brutto, ma niente a che vedere con la follia criminale poi sventata da Tino.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche