Tino Asprilla disperato senza il suo toro: Lagrimón rubato, la polizia lo ritrova. VIDEO

Calcio

Disavventura in Colombia per l'ex attaccante del Parma, 49enne dalle tante follie in carriera. Stavolta a farne le spese è stato lo stesso Asprilla, vittima del furto dell'amato bovino nella sua fattoria di Tulua: "È come parte della mia famiglia, senza di lui è deprimente guardare il mio Atlético Nacional". Fortunatamente la vicenda si è conclusa con un lieto fine: Lagrimón è stato ritrovato dalla polizia per la gioia di Tino

IL SUO COMPLEANNO SPECIALE A PARMA

TINO BAGARINO: QUANDO VENDEVA I BIGLIETTI SU TWITTER

ASPRILLA SI ERA PROPOSTO COME CT DELLA COLOMBIA

Difficile contare le follie sul campo e nella vita extra-calcistica di Faustino Asprilla, ex attaccante dalla fortunata parabola italiana negli anni Novanta. Merito del Parma che, nell’estate 1992, si assicurò l’esaltante colombiano dall’Atlético Nacional registrando 39 gol complessivi e cinque trofei in bacheca compresi gli ultimi due dopo il suo breve ritorno nel 1998. Mai così brillante come in Emilia, Tino si è ritirato nel 2005 trovando riparo in Colombia nella sua fattoria di Tulua tra la famiglia e gli adorati animali. Detto delle pazzie che hanno contraddistinto una vita sregolata, l’ex Cafetero ha subìto un’ultima disavventura indipendente dai suoi eccessi: colpa del furto di cinque mucche e soprattutto dell’amato toro Lagrimón, più di un animale come ribadito dalle sue parole al sito sito Noticias Caracol: "Qualcuno è entrato nella fattoria che ho chiamato San Geronimo e ha preso il toro e le mucche. Sono entrati velocemente, hanno danneggiato una parte della recinzione e hanno portato fuori gli animali caricandoli su un camion fermo in una fattoria di fronte alla mia. Li hanno presi". Se a qualcuno il furto ai danni di Asprilla può fare sorridere, basti sapere che il 49enne colombiano ha mobilitato l’attenzione sui social e non solo.

Annunciato il fatto e promesso una ricca ricompensa a chi avesse segnalato importanti novità su Lagrimón, Tino ha confidato la sua disperazione dopo la scomparsa del fido bovino: "Seriamente, è deprimente guardare il mio Atlético Nacional senza la compagnia di Lagrimón. È stato il mio animale domestico per anni, è come parte della mia famiglia. Abbiamo passato insieme un periodo tra i 4 e i 5 anni". Insomma, poco importa di un danno economico stimato sui 13mila euro, d’altronde la questione è senz’altro più affettiva per lo sconfortato Asprilla. Ma a distanza di due giorni dal brutto episodio ecco il lieto fine per la gioia di Faustino: Lagrimón è stato ritrovato dalla polizia colombiana come annunciato dall’ex attaccante sui propri profili, forze d’ordine ringraziate come le tante persone che hanno contribuito a risolvere il furto. Il toro torna quindi tra le braccia di Tino e della famiglia, ultimo capitolo dell’ennesima originale vicenda del calciatore che ha fatto sognare Parma.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.