Boateng: "I soldi sono una maledizione nel calcio. Vorrei non avere tatuaggi"

Calcio
©Getty

L'attaccante della Fiorentina si è sfogato in un'intervista: "Il calcio è solo un business, non esiste più la fedeltà. I giovani sprecano il proprio talento, pensano a Instagram e alla PlayStation. Mi pento dei miei tatuaggi"

Il lusso da tempo è una componente imprescindibile del calcio ad alti livelli. Eppure non c’è sempre da esserne contenti. "Tutti questi soldi sono una maledizione, il calcio ormai è diventato solo un business e noi calciatori siamo semplicemente dei numeri. Non funzioni? Vieni sostituito. La fedeltà non esiste più ed è triste": comincia con queste parole lo sfogo di Kevin-Prince Boateng, nell’intervista rilasciata alla Bild. Questa evoluzione sta togliendo rilievo alla componente ludica del calcio, secondo l’attaccante della Fiorentina: "A volte non mi diverto, mentre prima mi divertivo sempre. Bisognerebbe fare un sondaggio e vedere quanti sono contenti di andare agli allenamenti. Ovviamente ad un certo livello il calcio diventa un lavoro, ma è così ben pagato che la pressione diventa enorme e facilmente si finisce a parlare di depressione".

Avvisi per i giovani

Boateng compirà 33 anni il prossimo marzo e ad un’età matura lancia un messaggio ai giovani: "Mi innervosisce vedere ragazzi che non vivono il proprio talento e so che vuol dire sprecarlo. A 19 anni guidi una Mercedes e ti accontenti, non fai allenamenti extra, giochi alla PlayStation e pensi a Instagram. Prima lo facevo anche io ma oggi non te lo puoi più permettere". Infine, un rimpianto: "Vorrei non essermi mai tatuato, si è molto più belli senza tatuaggi perché ormai ce li hanno tutti".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche