user
04 giugno 2018

Real Madrid-Arsenal leggende, spettacolo in campo: i gol e le giocate del Bernabeu. VIDEO

print-icon

Divertimento allo stato puro tra le leggende di Real e Arsenal, in campo al Bernabeu per una partita dal talento smisurato. Roberto Carlos, Xabi, Guti, Seedorf e Morientes da una parte. Dall'altra Petit, Pires, Ljungberg e Anelka. La partita è finita 2-1 per i Blancos, ecco i video della serata

REAL, MODRIC CHIAMA NEYMAR A MADRID

RONALDO HA SCELTO GLI 11 MIGLIORI GIOCATORI DELLA STORIA

Uno stadio, due squadre e una marea di leggende. Questa è stata Real-Arsenal del Bernabeu, una sfida dei migliori contro i migliori, in nome dello spettacolo e della beneficenza, come sempre accade in queste partite di esibizione. 2-1 per i padroni di casa il risultato finale, e un Real che continua a vincere anche con la propria rappresentativa di vecchie glorie. In campo col 4-2-3-1, Raul era la punta di diamante di una squadra che aveva previsto anche Ronaldo, il Fenomeno, tra i convocati, ma che guarderà (e applaudirà) dalla panchina le giocate dei suoi compagni. Rifinitori alle spalle di Raul? Figo, Julio Baptista ex anche della Roma, e Seedorf. Una parata di stelle insomma, con Xabi Alonso e Guti in mediana: due re dell’assist, e una difesa composta da Arbeloa, Fernando Sanz, Pavon e Roberto Carlos, che proprio dal suo mancino libera il passaggio decisivo per il golasso di Raul di testa, a pallonetto sul malcapitato Seaman. Anche se, in realtà, è tutta l’azione che è da incorniciare, perché passano gli anni ma non la magia: sombrero di Figo, dunque finta di Baptista, tocco di prima di Guti a smarcare Seedorf. Quindi Carlos e Raul, in gol in cinque tocchi: che meraviglia!

Classe senza età: Figo inventa, R. Carlos crossa e Raul-gol

Pires illumina

Non erano da meno però i nomi dell’Arsenal, a secco di Premier in Inghilterra più o meno da quando giocavano certi signori scesi in campo al Bernabeu. Non si parla addirittura di Seaman, portiere titolare, ma di Almunia (entrato nel secondo tempo) sì. In difesa ecco Lauren, Upson, Campbell e Winterburn, con a centrocampo il capitano Pires (migliore in campo per i follower Twitter dei Gunners), Parlour, Limpar e Petit, leggenda dell’Arsenal e della Francia nel 1998. In attacco? Boa Morte e Anelka, passato nel 1999 proprio dall’Arsenal al Madrid. Il pareggio dopo il gol di Raul, arrivato poco dopo il quarto d’ora di gioco, è con Boa Morte, che di gol in carriera per i londinesi in realtà ne fece appena uno tra 1997 e 2000. Azione ancora una volta spettacolare: lancio illuminante di Pires a tagliare in due la difesa dei Blancos, e palla del portoghese in rete alle spalle di Dudek.

Lo scavetto di Boa Morte ammutolisce il Bernabeu

Guti, tunnel e punta

Ma non finisce certo lo spettacolo, nonostante il gol di Guti al 20’ chiuda in realtà definitivamente i giochi sotto porta. Lui al Real come allenatore dopo Zidane? Forse, ma nel frattempo lo spagnolo regala magie in campo, con tunnel e tocco di punta per il nuovo vantaggio dei padroni di casa. Nella ripresa altri numeri, e altri talenti al Bernabeu. Entreranno a gara in corso infatti altre superstar delle due squadre come  Morientes, Solari, Karambeu, Rosicky, Ljungberg, Butragueño o Gilberto Silva.

Real-Arsenal leggende, Baptista e Guti incantano il Bernabeu

Il ritorno di Eboué

Tra i tanti talenti in campo c’è forse un giocatore che avrà sicuramente fatto piacere rivedere a tutti i tifosi dell’Arsenal: Emmanuel Eboué. Tornato alla ribalta sui giornali inglesi per un’intervista rilasciata al Mail mesi fa: “Sono al verde, ho pensato al suicidio”. E ancora: “Vorrei tornare a giocare, andrei anche a Baghdad o in Pakistan”. Il terzino ivoriano è allora effettivamente tornato in campo, con le leggende del suo Arsenal che non lo ha certo abbandonato. E la sua giocata, un coast to coast da centrocampo fin dentro l’area di rigore, ha regalato spettacolo a chi lo aveva visto e apprezzato con Wenger in panchina: fu lui il titolare a destra nella finale di Parigi contro il Barcellona di Ronaldinho del 2006.

Eboue come ai vecchi tempi: la sua serpentina è da applausi

A settembre

Il match finirà così 2-1, nonostante un paio di punizioni pericolose salvate da Almunia su Figo, e da Solari (di testa e sulla linea) su Pires. Tanto spettacolo e tanto divertimento. Con il prossimo appuntamento tra le leggende del Real e quelle dell’Arsenal programmato per il prossimo settembre.

(foto Instagram @RealMadrid)

I video più curiosi dal mondo dello sport

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi