Gioca in Coppa d'Africa mentre sostiene un esame: nei guai l'egiziano Mostafa Mohamed

Coppa d'Africa
©Getty

Mostafa Mohamed nei guai: il difensore sta giocando la Coppa d'Africa con la maglia dell'Egitto. Mentre è impegnato in Camerun, un giovane si è presentato al suo posto a sostenere un esame all'Università del Cairo. Scoperto, il sosia ha confessato di aver già superato tre esami per conto del giocatore del Galatasaray

MANE', GOL CON IL SENEGAL E RICOVERO IN OSPEDALE: DIMESSO

Ha provato a coniugare lavoro e studi ma le date della Coppa d'Africa combaciavano con quelle di un esame universitario: così Mostafa Mohamed, difensore egiziano del Galatasaray, ha deciso di ingaggiare un sosia che si presentasse in aula al posto suo per sostenere l'esame. Lo racconta il Mundo Deportivo. Secondo la ricostruzione del giornale spagnolo, un giovane si è presentato all'università del Cairo, dove il giocatore è iscritto come studente, e ha sostenuto l'esame con l'identità di Mostafa Mohamed. Un lavoratore dell'istituto si è reso conto però che la persona che stava rispondendo alle domande non era il giocatore 24enne: il "finto Mohamed" è stato fermato dalla vigilanza, che ha poi chiamato sul posto la polizia

La confessione del sosia: "Ho già superato tre esami"

leggi anche

Senegal e Marocco ai quarti, Hakimi ancora in gol

L'individuo che si era presentato a dare l'esame ha immediatamente confessato di non essere il difensore della nazionale egiziana e del Galatasaray. Il giovane ha spiegato, è la versione riportata dai media del Cairo, di averlo fatto per "aiutare un amico". Dopo l'arresto, ha aggiunto anche di aver effettuato altri esami per conto di Mohamed e di averne già superati tre.  La polizia ha aperto un'indagine per cercare di scoprire se il giovane sia stato pagato per sostenere gli esami al posto di Mohamed. Il giocatore, che sfiderà mercoledì negli ottavi di finale della Coppa d'Africa la Costa d'Avorio con la maglia dell'Egitto, non ha commentato l'accaduto.