user
09 novembre 2018

Boca River: data, orari e probabili formazioni della finale di Copa Libertadores

print-icon

Manca sempre meno alla partita che fermerà il calcio sudamericano. Prima Boca-River e poi River-Boca, la doppia finale che pesa più di qualsiasi altra cosa. Ecco date, orari, probabili formazioni e tutte le curiosità sul Superclásico

BOCA-RIVER LIVE

BOCA-RIVER, ALLO STADIO ANCHE PUTIN?

ARGENTINA, CHIAMANO IL FIGLIO RIVER PLATE

Il Superclásico più importante di sempre. Il primo in finale. La partita della vita che non ammette sconfitta. Il calcio argentino e sudamericano si ferma: c’è la Libertadores, nel doppio confronto tra Boca Juniors e River Plate, le due rivalissime del calcio di Buenos Aires e di tutto il continente. Per molti sarà la partita della vita, e non è certo un caso che l’Observer abbia inserito il vedere questa partita al primo posto tra le cinquanta cose da fare prima di morire. Atmosfera pazzesca di certo, prima alla Bombonera e poi al Monumental. Ecco tutte le informazioni sulla super sfida ormai vicinissima.

Quando e a che ora si gioca Boca-River?

Le partita di andata si disputerà il 10 novembre alla Bombonera in casa del Boca. Ritorno previsto il 24 novembre al Monumental in casa del River. Il calcio d’inizio è previsto in entrambi i casi alle 21 (le 17 in Argentina). Le due gare verranno trasmesse da DAZN.

Ci saranno i tifosi ospiti nel doppio confronto?

No, troppo alto il rischio incidenti. La decisione ufficiale era già arrivata qualche giorno fa dopo una riunione tra i presidenti di River Plate e Boca Juniors, Rodolfo D'Onofrio e Daniel Angelici, e il capo della federcalcio argentina, Claudio Tapia. Senza ospiti la sfida, come dal 5 maggio 2013 ad oggi, ultimo giorno in cui ci furono i sostenitori di entrambe le squadre nello stesso stadio: un 1-1 alla Bombonera.

Quanti sono i precedenti tra le due squadre?

Sono in totale la bellezza di 247 le partite ufficiali giocate tra Boca e River. Il parziale? Premia il Boca Juniors che ha vinto 87 volte contro le 81 del River, con 78 pareggi. La prima storica partita risale al 24 agosto del 1913, con vittoria per 2-1 del River. Quella in programma sabato 10 ottobre sarà invece la sfida numero venticinque in Copa Libertadores, e la prima, attesissima, in finale. Anche in Coppa Boca sempre avanti con 10 vittorie contro le 7 del River, più 7 pareggi.

Chi ha vinto più Libertadores?

È una finale inedita, come già detto, ma non lo sarà altrettanto per due mostri sacri della storia del calcio sudamericano. Sei i titoli per il Boca, che vincendo potrebbe raggiungere a sette l’Indipendente al primo posto della classifica. River fermo a tre, su cinque finali finali giocate, mentre i rivali Xeneizes ne hanno giocate il doppio, dieci. Ultima vittoria del Boca nel 2007, quando in otto anni (dal 2000 in poi) la vinsero per ben quattro volte. Ultima del River molto più recente nel 2015.

Chi sono i due allenatori?

Il tecnico del Boca Juniors è Guillermo Barros Schelotto, che già da calciatore nel Boca vinse sei campionati argentini, quattro Coppe Libertadores e due Coppe Intercontinentali tra il 1997 e il 2007. In panchina ha invece già messo in bacheca due titoli nazionali consecutivi. Sul fronte opposto ecco invece Marcelo Gallardo, praticamente alla prima esperienza in panchina salvo un’annata alla guida del Nacional di Montevideo. Anche lui già giocatore dei Milionarios, con cui ha vinto sei campionati argentini e la Libertadores del 1996. Gallardo non sarà però presente nella doppia finale: è stato infatti squalificato per essere entrato negli spogliatoi, nonostante una squalifica già in atto, durante l'intervallo della semifinale contro il Gremio.

Quali giocatori possono essere protagonisti?

I nomi sono tantissimi. Nel Boca Juniors affascina sicuramente quello di Carlos Tevez, alla sua terza vita alla Bombonera. Difficile vederlo in campo dal primo ma occhio anche a un’altra vecchia conoscenza del calcio italiano come Mauro Zarate, rinato prima nel Velez e poi passato proprio al Boca. I gol? Possono sicuramente arrivare anche da Ramon Abila e Dario Benedetto. Benedetto ha firmato la semifinale contro il Palmeiras con due reti nel 2-0 finale dell’andata, segnando anche al ritorno il gol del definitivo 2-2. Il bomber di squadra in Libertadores è però proprio Abila, che ha già realizzato quattro centri. Immancabile, nelle fila del Boca, il nome di Pavon, ala già vista nel Mondiale con la sua Argentina, per lui tre gol e dodici su dodici da titolare nella competizione. E per il River? Lucas Pratto insieme a Santos Borré sono i due giocatori più prolifici in Copa, entrambi con tre centri. Il primo passato anche dall’Italia nel Genoa, il secondo è invece ex Villarreal. Occhio però anche a Leonardo Ponzio in mediana, tornato per la terza volta al River Plate nel 2012 dopo essersi fatto valere in Spagna con la maglia del Real Saragozza. In avanti ci sarà probabilmente spazio anche Ignacio Scocco, ma occhio anche al numero 10 Gonzalo Martinez. Tra i pali quel Franco Armani diventato titolare nell’albiceleste nei Mondiali dopo gli errori di Caballero. 

Le probabili formazioni

Il Boca dovrebbe confermare il classico 433 già visto spesso in questa stagione e specie nella maggior parte di partite della Libertadores. Nel River 442 spesso però alternato anche a un 4312: in quel caso è quasi sempre stato Quintero (contro il Gremio nella doppia semifinale o contro il Racing negli ottavi di ritorno) ad alzarsi dietro le due punte. Davanti se la giocano due tra Santos Borré, Scocco e Pratto.

Boca Juniors (4-3-3): Rossi; Jara, Izquierdoz, Magallan, Olaza; Perez, Barrios, Nandez; Pavon, Villa, Abila. All.: Schelotto.

River Plate (4-4-2): Armani; Montiel, Maidana, Pinola, Casco; Enzo Perez, Nacio Fernandez, Palacios, Martinez; Santos Borré, Lucas Pratto. All.: Gallardo.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi