Tavecchio: "La Serie A a 18 squadre è utopia"

Calcio
carlo_tavecchio_getty

Il numero uno della FIGC stronca la possibilità di una riduzione delle squadre di Serie A, ma apre a una possibile modifica del calendario: "Non vedo perchè non si possa giocare in prossimità del Natale"

Niente Serie A a 18 squadre: il messaggio arriva direttamente da Carlo Tavecchio. Ipotesi di riduzione stroncata, dunque, ma un’apertura arriva per quanto riguarda la Serie A durante le feste natalizie. Di questi e altri temi ha parlato così a “Radio Anch’io” il presidente della FIGC.

18 squadre - "Stiamo facendo vari incontri, pensare di dire in questo momento alle squadre del lato destro della classifica di Serie A di diminuire da 20 a 18 credo sia un'utopia. Bisogna operare sui campionati minori. Finché ai professionisti di Serie A non entrerà in testa che la complementarietà con le altre due leghe può essere importante il problema sarà arduo”. Una battuta anche sugli investimenti che i club cinesi stanno facendo in Italia e all’estero: ”Se la provenienza è lecita e l'interesse è trovare sbocchi in Europa credo che la scelta del campionato italiano debba essere accettata con serenità”.

Calcio a Natale - Sulla possibilità di rivoluzionare il calendario per inserire le gare in prossimità delle feste natalizie, il leader della Federcalcio si è espresso così: "Le feste comandate sono Natale, Capodanno e l’Epifania: in questi giorni secondo me non si dovrebbe giocare. Tutto il resto è disponibile, non vedo perché non si possa giocare il 26 o il 24, il tabù è quello per il giorno di Natale, se si intendono le feste natalizie per me va bene. Siamo in tempo per fare progetti futuri. Iniziare a Ferragosto per aiutare la Nazionale? E' difficile, è un giorno sacro per gli italiani, sono tutti al mare, però in prossimità credo di sì”.

Perin e la Serie A - Dopo il nuovo infortunio al ginocchio, Tavecchio ha voluto mandare un messaggio al portiere del Genoa: “Voglio fare gli auguri di vero cuore a Perin. È stato un nostro portiere fin dall'inizio". E ha aggiunto: ”il calcio italiano è in crescita in questo momento, non solo per gli investimenti ma anche per l'immagine che stiamo dando con l'utilizzo dei giovani. Non ho mai detto che Inter e Milan servono al campionato di più di Roma e Napoli. Ho detto che si sente la mancanza delle milanesi, non si può mettere in bocca a me antagonismi tra squadre del nord e del sud. E pensare, e non l'ho mai detto, che Napoli è la città a cui sono più affezionato di tutte”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche