Squadra svogliata, Tramezzani la porta in fabbrica

Calcio
tramezzani

Misure drastiche per una squadra apparsa svogliata e molle: dopo la sconfitta per 5-2 contro il Thun l'allenatore del Lugano ha portato i suoi giocatori a visitare una fabbrica all'alba, "per vedere come lavora e si suda i soldi la gente comune"

Una visita agli operai di una fabbrica, "per vedere come lavora e si suda i soldi la gente comune". L'idea è venuta all'allenatore del Lugano Paolo Tramezzani, ex 'secondo' di Gianni De Biasi sulla panchina dell'Albania, dopo la sconfitta dei suoi per 5-2 contro il Thun nell'ultimo turno di campionato. Deluso e arrabbiato per l'atteggiamento dei giocatori, Tramezzani è passato dalle parole ai fatti e ha deciso che alla squadra serviva un bagno di umiltà. Così ha portato i suoi calciatori, di prima mattina, a visitare una fabbrica.

Già alle 6, ancor prima che arrivassero operai e impiegati, il pullman del Lugano ha parcheggiato davanti alla sede di un'impresa di vernici e pittura di Davesco e i giocatori sono scesi per conoscere i lavoratori. Poi tutti a Cornaredo per una seduta di allenamento: defaticante per chi ha giocato, lavoro aerobico per il resto del gruppo.

Tutto ciò è stato deciso da Tramezzani in persona, e per questo il presidente del club bianconero Angelo Renzetti non ha voluto fare commenti. "Non voglio immischiarmi - ha spiegato - Tramezzani con la squadra può fare ciò che vuole".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche