Islanda, record di nascite a 9 mesi dall'Europeo

Calcio
08_islanda_turchia_getty

Come hanno festeggiato i tifosi islandesi dopo il famoso 2-1 all'Inghilterra? La risposta a nove mesi esatti dalla storica partita di Nizza: c'è stato un improvviso boom di nascite negli ospedali dell'Isola

Per l’Inghilterra fu la “Brexit” del calcio, per la nazionale islandese e per il suo popolo il più incredibile momento della storia. Il 2-1 di Nizza - erano ottavi di Euro 2016 - ha scritto un’incredibile pagina del calcio moderno, con protagonista un’isola quasi disabitata dell’estremo nord del mondo e i suoi semi-impronunciabili giocatori. E quei tifosi… ricordate? Chilometri di barba, la Geyser Dance: una marea blu sugli spalti degli stadi francesi. Lecito chiedersi, dopotutto, quanto e come avessero festeggiato dopo quella grandiosa vittoria contro la nazionale di Hodgson (poi esonerato): la risposta scientifica a questa domanda è arrivata oggi, a nove mesi esatti dal giorno in cui l’Islanda ha ribaltato gli equilibri dell’Europeo. Già avete capito…

Boom di nascite - Ebbene sì, gli islandesi hanno fatto festa nel più naturale dei modi. A confermarlo è stato - attraverso le pagine del quotidiano Visir - un noto dottore locale, il quale ha confermato che gli ospedali dell’isola hanno registrato un anomalo e improvviso incremento delle nascite negli ultimi giorni. Dal 26 giugno, data di Inghilterra-Islanda, al 28 marzo sono passati esattamente nove mesi: tutto torna. Una ‘generazione Euro2016’ sembra dunque pronta a nascere in Islanda, figlia dell’estrema euforia per un momento storico. E, chissà, magari tra vent’anni o poco più, proprio i nuovi saranno capaci di ripetere o migliorare quanto fatto dai ragazzi di Lars Lagerback. Hanno il calcio nel sangue, dopotutto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche